Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Vittoria per l'opera regista americano

Cultura e Spettacolo
30 luglio 2016

L'Aquileia Film Festival affascinato da... Petra

di Erica Zanon
La città al confine dei tre deserti ha conquistato il voto del pubblico dell'ottava edizione della rassegna
CONDIVIDI
15238
Il pubblico presente in piazza Capitolo durante le proiezioni (ph. Massimo Goina)
Cultura e Spettacolo
30 luglio 2016 di Erica Zanon

È Petra, il film di produzione francese del regista Gary Glassman, il film vincitore della settima edizione dell’Aquileia Film Festival. La città di pietra perduta al confine di tre grandi deserti e ricca di monumenti tra i più spettacolari e più misteriosi del mondo antico ha conquistato i voti del pubblico sbaragliando i concorrenti: Cercando Djeuthj che aveva portato gli spettatori tra tombe e geroglifici di Luxor si è aggiudicato il secondo posto mentre Santa Sofia che ha raccontato i misteri della gigantesca cupola della basilica di Istanbul il terzo.

Il Premio Aquileia, un mosaico realizzato dalla Scuola Mosaicisti del Friuli è stato consegnato, in assenza del regista, al curatore della Rassegna del cinema di Rovereto Dario Di Blasi, dal direttore della Fondazione Aquileia Cristiano Tiussi che ha voluto ringraziare il pubblico «per l’attenzione che ogni anno riserva alla manifestazione e che conferma come investire in proposte culturali di qualità sia una scelta vincente, una strada che la Fondazione Aquileia intende continuare a percorrere con progetti come Archeologia Ferita e con eventi come il Film Festival che tornerà nel 2017».

L’evento organizzato dalla Fondazione Aquileia in collaborazione con la Rassegna Internazionale del cinema archeologico di Rovereto e Archeologia Viva ha portato nei tre giorni ad Aquileia 4.000 persone accorse in piazza stregate dal fascino dell’archeologia e dalla scoperta di culture lontane. Culture che sono state al centro delle conversazioni-intervista condotte da Piero Pruneti nelle tre serate: Franco Cardini  ha regalato al pubblico il suo sguardo sul mondo islamico e ha voluto sottolineare l’importanza del dialogo perché «siamo davanti a facce diverse della medesima cultura, composita, complessa. Odio e paura nascono dal non conoscere».

Con Carlo Giovanni Cereti, addetto culturale dell’Ambasciata italiana a Tehran si è parlato del ruolo fondamentale della diplomazia culturale e dell’Iran di oggi, scoprendo una cultura che ha avuto molti contatti con il mondo occidentale.

Successo di pubblico per Valerio Massimo Manfredi che ha ribadito che «l’archeologia ci mette in contatto con le nostre radici, il presente è sfuggente, precario, il passato invece sta fermo, può essere capito e studiato: le culture estinte devono essere un punto di riferimento per guardare al futuro con la speranza di non commettere gli stessi errori». Appuntamento a luglio 2017 per l’ottava edizione.

Commenti (0)
Comment