Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dati primo semestre 2016

Attualità
09 agosto 2016

CrediFriuli, boom di mutui casa

di Adriano Del Fabro
Erogati 284 per oltre 30 milioni di euro: incremento del 57% rispetto all'anno precedente
CONDIVIDI
15319
Luciano Sartoretti, presidente di CrediFriuli
Attualità
09 agosto 2016 di Adriano Del Fabro

Secondo i numeri recentemente approvati dal Consiglio di amministrazione di CrediFriuli e divulgati dal presidente, Luciano Sartoretti, relativi al primo semestre del 2016, il valore dei volumi complessivi è salito a 1,8 miliardi di euro con un incremento di oltre 90 milioni di euro rispetto a un anno fa.

In crescita di 53 milioni la raccolta complessiva, principale indice della fiducia e dell’apprezzamento da parte della clientela, che ha raggiunto 1,1 miliardi di euro. In aumento anche gli impieghi, cresciuti di 37 milioni di euro e, in particolare, i mutui casa: nel primo semestre 2016 ne sono stati erogati 284 per oltre 30 milioni di euro con un incremento del 57% rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente. Prosegue, inoltre, la crescita nel settore della Bancassicurazione, per un volume di premi pari a 26 milioni di euro.

«Stiamo entrando in una nuova fase del Credito Cooperativo – sottolinea Sartoretti – che, per noi,  sarà caratterizzata prima di tutto dal grande senso di responsabilità nei confronti dei nostri 7.730 soci. In questi primi sei mesi sono entrati a far parte della nostra famiglia 484 nuovi soci. I giovani under 30 sono molti e con la loro presenza garantiscono la continuità generazionale della banca».

«L’utile netto del primo semestre – spiega il direttore generale, Gilberto Noacco – ha superato i 5 milioni di euro. Il positivo sviluppo degli affari, con oltre 750 nuovi conti correnti aperti nel semestre si è accompagnato, come d’abitudine, a scelte orientate al mantenimento di un’elevata copertura del credito deteriorato e al rafforzamento del patrimonio, che a metà 2016, sfiora i 120  milioni di euro. Ne sono la riprova anche gli accantonamenti sui crediti deteriorati (55%, contro una media del sistema pari al 44%) e il Cet1 superiore al 18%».

Commenti (0)
Comment