Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata la stagione della Società dei Concerti di Trieste

Cultura e Spettacolo
13 settembre 2016

Un occhio classico sulle partiture di domani

a cura della redazione
Dodici appuntamenti per il cartellone che celebra gli 85 anni della realtà musicale triestina. Inizio il 9 novembre
CONDIVIDI
15707
Antje Weithaas (ph. Ufficio stampa D. Sartogo)
Cultura e Spettacolo
13 settembre 2016 della redazione

Presentato l’85° cartellone della Società dei Concerti di Trieste, realtà che ha sempre valorizzato senza fini di lucro il culto della buona musica fin dal 1932 con la sola interruzione imposta dagli eventi del 1945. 

Firmata dal M° Enrico Bronzi, la Stagione 2016/17 sarà inaugurata ufficialmente mercoledì 9 novembre alle 20.30 al Teatro Verdi di Trieste con il Trio di Parma insieme al clarinetto di Alessandro Carbonare per “I trii di Brahms II”.

Proseguirà il 30 novembre il progetto decennale, avviato la stagione scorsa, con il pianista Filippo Gamba: le sonate per pianoforte di Beethoven II, la seconda e terza tappa dell'esplorazione del continente pianistico beethoveniano, con la guida sicura di un grande interprete.

L’anno 2017 riaprirà mercoledì 18 gennaio con il pianista Pietro De Maria con una selezione dal maggiore capolavoro pianistico del secondo Novecento: gli Studi per pianoforte di György Ligeti.

Uno degli appuntamenti più attesi sarà il concerto con Leonidas Kavakos al violino ed  Enrico Pace al pianoforte il 25 gennaio. Il violinista greco debutterà a Trieste con un programma.

Il 15 febbraio sarà la volta del Quartetto di Cremona, riconosciuto a livello internazionale per le sue qualità artistiche e interpretative.

Il 22 febbraio, concerto di Matthias Winckhler, insieme a Jan Philip Schulze al pianoforte. Il baritono tedesco, trionfatore dell'ultimo concorso Mozart di Salisburgo, trasporterà il pubblico in un percorso nel centro dell'Europa da Schubert a Schumann, fino a raggiungere il suo cuore pulsante: Gustav Mahler.

Il 1. marzo un altro appuntamento d’eccezione: il duo Weithaas-Hoppe. La violinista Antje Weithaas, considerata una delle grandi del nostro tempo, insieme al pianista Thomas Hoppe suonerà per i soci musiche di Schubert , Prokofiev e di Mendelssohn.

Il 14 marzo il più importante Trio tedesco, il Trio Jean Paul, attivo dal 1991, suonerà Beethoven, Rihm e il grande Trio Op.65
di Dvorák.

Tra gli appuntamenti, il 22 marzo, “Soirée Aperghis”: Donatienne Michel-Dansac, la musa del più sorprendente compositore francese di oggi, trascinerà i presenti nei suoi "Tourbillons". Uno  spettacolo multimediale, in esclusiva per la SdC e con la partecipazione dello Zari Duo, orgoglio triestino delle percussioni.

Il 13 aprile appuntamento con il pianista Roberto Plano, mentre il 19 aprile toccherà al Quintetto Papageno, ensemble di fiati che farà ascoltare un percorso musicale tra Danzi, Francaix e Ligeti.

Chiuderà la stagione il 10 maggio Filippo Gamba con il concerto che include il capitolo straordinario delle due Sonate “quasi una fantasia” Op.27.

Per tre dei concerti in cartellone ci sarà la possibilità, anche per chi non fa parte della SdC, di acquistare i singoli biglietti: il primo sarà il 25 gennaio, quello con Leonidas Kavakos. Il secondo vedrà protagonista il baritono Matthias Winckhler e Jan Philip Schulze al pianoforte il 22 febbraio e, infine, il 22 marzo “Soirée Aperghis”, lo spettacolo-concerto multimediale con Donatienne Michel-Dansac.

Anche quest’anno si terranno delle conferenze per approfondire i concerti in stagione e per divulgare la cultura della musica. Tra gli ospiti, oltre allo stesso direttore artistico Enrico Bronzi, anche Alberto Batisti e Sergio Cimarosti.

Info: www.societadeiconcerti.net

Commenti (0)
Comment