Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Iniziativa nella Bassa friulana

Sport
17 ottobre 2016

Crescere attraverso lo sport

di Livio Nonis
Gli studenti delle scuole primarie di San Vito e Villa Vicentina hanno potuto provare numerose discipline sotto lo sguardo dei testimonial Alessandro Talotti e Massimiliano Oggianu
CONDIVIDI
16267
Alessandro Talotti con gli studenti di San Vito (ph. L. Nonis)
Sport
17 ottobre 2016 di Livio Nonis Image

Due scuole primarie - la “Ugo Foscolo” di San Vito al Torre e la “Giacomo Leopardi” di Villa Vicentina - uno stesso progetto, la “Festa dello Sport”, presentato dal Fiduciario del Coni della Bassa Friulana.

Un progetto nato per far conoscere ai ragazzi delle scuole in comunità piccole dove le associazioni sono poche un maggior numero di discipline sportive, per dare loro la possibilità di una scelta più ampia. Iniziativa che ha visto una partecipazione attiva di circa 200 ragazzi. Un successo per il quale è necessario ringraziare tutte le associazioni che hanno partecipato in modo volontario: Juvenilia Rugby (Bagnaria Arsa), Tennis Tavolo Quadrifoglio (Cervignano), Bocciofila (Cervignano), Arti Marziali Biodinamicamente (Fiumicello), Vela Asnat (Terzo d'Aquileia), Calcio (San Vito al Torre), Softball Friul'81 (Castions delle Mura), A.d.d.s. Olimpia Danza Sportiva (Cervignano), Team Isonzo Ciclistica (Pieris), Miossport Pesistica (Cervignano), Box Planet (Monfalcone), Gemina Scherma (San Giorgio di Nogaro).

La ciliegina sulla torta gli alunni l'hanno avuta per la presenza di due veri fuoriclasse dello sport: a San Vito al Torre è arrivato Alessandro Talotti, pluricampione italiano di salto in alto, vittorioso in Coppa Europa per nazioni e con due partecipazioni alle Olimpiadi, mentre a Villa Vicentina è giunto Massimiliano Oggianu per le arti marziali che vanta tre Campionati Europei vinti e tre podi ai Mondiali; entrambi hanno raccontato la loro storia, la loro esperienza di sportivi, partendo proprio dalle origini, da quando avevano l'età degli stessi ragazzi che, attenti, hanno ascoltato i campioni. Entrambi hanno lasciato un messaggio importante: fare sport, qualsiasi tipo di sport, senza dimenticare di studiare e applicarsi nello studio per raggiungere i più alti risultati del sapere.

Commenti (0)
Comment