Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Spazio a “Brez Mej” e “Int/Art”

Cultura e Spettacolo
29 novembre 2016

A Suns documentari e serie tv in friulano

a cura della redazione
Venerdì e sabato a Udine nell'ambito del festival internazionale delle lingue minoritarie. Proiettate le opere di Giovanni Chiarot e di Dorino Minigutti e Giorgio Cantoni
CONDIVIDI
16885
Le riprese di "Brez Mej" (ph. Suns Festival)
Cultura e Spettacolo
29 novembre 2016 della redazione

Sono molteplici le forme d’arte in lingua minoritaria a cui Suns Europe, il festival in programma a Udine dall’1 al 3 dicembre, dà spazio. Tra queste rientrano anche i documentari e le serie tv. A rappresentare il Friuli nelle tre serate al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, ci saranno “Brez Mej” di Giovanni Chiarot (venerdì 2 dicembre alle 19.30) e “Int/Art” di Dorino Minigutti e Giorgio Cantoni (sabato 3 dicembre alle 20).

Il primo di questi due lavori, prodotto da Modo e Puntozero, racconta la storia di sei ragazzi che tentano di migliorare il territorio in cui vivono. A Suns, in particolare, sarà proiettato il documentario dedicato ad Alan Cecutti e al suo locale, l’agriturismo “Brez Mej – Senza confini”.  «Ho voluto riportare la storia di Cecutti – spiega Chiarot – un giovane che ha scelto la terra dei suoi nonni a Prossenicco, frazione di Taipana, per vivere e fare impresa. Un ritorno alle origini e alla vita di montagna che ha invertito lo spopolamento di quella zona». Una storia di impresa ma soprattutto di vita quella rappresentata da Chiarot, che fa parlare il suo protagonista nella lingua utilizzata nella Benecija, a cavallo tra Friuli e Slovenia. Un documentario selezionato al Trento Film Festival e vincitore del premio “La Scabiosa Trenta” all’Alpi Giulie Cinema.

Il secondo lavoro è una serie tv in cinque puntate in lingua friulana, sottotitolate in italiano e in inglese. In questo caso il racconto si focalizza su giovani artisti locali e sulla loro scelta di fare arte in lingua minoritaria. Sono stati scelti cinque protagonisti (a Suns sarà trasmessa la prima di queste puntate, dedicata a un musicista carnico) dando voce non solo al loro modo di fare musica, ma anche all’impulso culturale che li circonda.  «Il secondo ciclo di serie tv è dedicata alle arti visive (fotografia, scultura) – spiega Giorgio Cantoni –, il terzo alle arti del corpo e della parola (attori, scrittori, artisti circensi). Un lavoro durato mesi, che è stato possibile produrre grazie all’Arlef e al Fondo regionale per l’audiovisivo».

Suns Europe è un progetto realizzato da Radio Onde Furlane con il sostegno dell'Arlef e della Regione Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con Puntozero, Comune di Udine, Fondazione Teatro Nuovo Giovanni da Udine, Il Laboratorio, Regione Trentino-Alto Adige.

Tutto il programma e le info sono su www.sunseurope.com e sulla pagina Facebook ‘SUNS Europe’.

Commenti (0)
Comment