Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Inaugurati i due Centri di Assistenza Primaria

Attualità
30 novembre 2016

La nuova sanità regionale riparte da Tarvisio e Ovaro

a cura della redazione
Sorgono con l'obiettivo di fornire ai cittadini, anche al di fuori dell'ospedale, un punto di riferimento costante nell'arco della giornata
CONDIVIDI
16906
L'inaugurazione del CAP di Tarvisio (ph. Foto Produzioni TV Regione FVG)
Attualità
30 novembre 2016 della redazione

Inaugurati alla presenza della presidente della Regione Debora Serracchiani e dell'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca due Centri di Assistenza Primaria (CAP) di montagna.

Nel loro modello organizzativo i CAP tengono conto delle principali caratteristiche del territorio dell'Azienda per l'Assistenza Sanitaria (AAS) n. 3 Alto Friuli-Collinare-Medio Friuli, ovvero una densità abitativa bassa, con difficoltà di trasporto, ma una già buona integrazione fra i servizi sociosanitari: il tasso di accessi a domicilio per l'assistenza delle persone anziane risulta, in questo caso, il più alto dell'intera regione.

Nel CAP di montagna 2.1 sede di Tarvisio si organizza ciò che da 10 anni è stata già una realtà modello per l'assistenza nei territori di montagna e che oggi amplia il servizio (ove operano 40 unità tra medici e personale infermieristico) all'intera Canal del Ferro e Valcanale. Tra le novità, l'ampliamento dell'orario dei medici di gruppo da sei a otto ore al giorno e la presenza di un infermiere in più che coadiuverà le attività di prevenzione e cura. Nel CAP di montagna 1.1 sede di Ovaro confluiscono la Medicina di gruppo già oggi esistente e i medici di Medicina generale di Prato Carnico, Rigolato-Forni Avoltri, Comeglians. Il personale medico è di cinque unità.

L'obiettivo ricordato dal direttore generale della AAS n. 3 Pierpaolo Benetollo con l'istituzione dei CAP è "fornire ai cittadini, anche al di fuori dell'ospedale, un punto di riferimento costante nell'arco della giornata, con una sede e un numero di telefono unici cui rivolgersi, e un raccordo fra medici di famiglia, infermieri, medici di guardia medica, specialisti, servizi sociali".

Nel CAP è garantita una presenza medica e infermieristica continuativa lungo l'arco della giornata, arricchita da specialisti per attività di consulenza su richiesta dei medici di famiglia; la guardia medica è presente presso la stessa sede, anche per garantire un passaggio di consegne fra il giorno e la notte, fra i giorni feriali e quelli festivi. Presso le due sedi, l'AAS n. 3 sta mettendo a disposizione attrezzature per svolgere esami come l'elettrocardiogramma (collegato in telemedicina con la Cardiologia ospedaliera), l'esame del fondo dell'occhio, la spirometria, alcune ecografie.

A Tarvisio sono intervenuti il sindaco Renato Carlantoni, l'assessore comunale alla Sanità Nadia Campana, la referente facente funzione per il Distretto 2 di Gemona Laura Regattin, la referente del CAP e medico di Medicina generale Roberta Spezzotti e la coordinatrice infermieristica Raffaella Daddio.
A Ovaro hanno preso la parola la sindaca Mara Beorchia, l'assessore comunale alla Sanità Roberta Gandin, la responsabile del Distretto 1 Fulvia Loik, il medico di Medicina generale e referente del CAP Mauro Boiti. Presente a entrambe le cerimonie di inaugurazione il presidente della Conferenza dei sindaci dell'AAS n. 3 Alto Friuli-Collinare-Medio Friuli Gianni Borghi.

Commenti (0)
Comment