Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Concorso “Jazz, Wine and Movie”

Cultura e Spettacolo
13 febbraio 2017

L'essenza del Collio catturata da un triestino

di Redazione (Fonte Ufficio stampa Jazz&Wine of Peace)
Il videomaker Pierpaolo Verdecchi si è aggiudicato il riconoscimento per il miglior video-racconto capace di narrare l’intreccio che si crea tra paesaggio, vino e musica
CONDIVIDI
17933
Pierpaolo Verdecchi
Cultura e Spettacolo
13 febbraio 2017 di Redazione (Fonte Ufficio stampa Jazz&Wine of Peace)

Raccontare con un video l’intreccio che si crea tra paesaggio, vino e musica durante il festival Jazz&Wine of Peace, che ogni anno porta grandi nomi del jazz internazionale nelle cantine vinicole del Collio. È la sfida lanciata a tutti i giovani videomaker d’Italia lo scorso anno, per la prima volta, dal Circolo Controtempo e dalla Casa del Cinema di Trieste. È Nato così il concorso “Jazz, Wine and Movie”. Il contest, che mette in palio un premio di 1.500 euro al miglior cortometraggio, ha consentito a quattro giovani videomaker, selezionati tra i partecipanti in base al loro curriculum dagli esperti della Casa del Cinema, di assistere all’ultima edizione del festival Jazz & Wine of Peace. I quattro finalisti hanno così soggiornato per alcuni giorni nel Collio, alla ricerca d’ispirazione per raccontare con la propria videocamera, in un corto della durata massima di 12 minuti, le atmosfere e le emozioni che la musica, il vino e il territorio sono in grado di trasmettere.

Domenica 12 febbraio, all’Enoteca di Cormòns, sono stati proiettati i cortometraggi realizzati dai quattro finalisti del concorso ed è stato premiato il vincitore di questa prima edizione, il romano d’origine e triestino d’adozione Pierpaolo Verdecchi. Classe 1977, il vincitore ha alle spalle numerosi progetti e collaborazioni, soprattutto in ambito documentaristico, come regista, operatore video e assistente alla fotografia. Ha lavorato ad esempio per il programma di Rai3 “La storia siamo noi” e per il documentario “Terzo Tempo”, in onda su Rai3, con Luca Zingaretti e la regia di Andrea Salomone, sulla squadra di calcio San Paolo di Roma.

Gli altri finalisti erano Massimiliano Milic, Luca Zuccolo e Silvia Luciani. Il video-racconto di Verdecchi ha convinto la giuria, composta da rappresentanti della Casa del Cinema e del Circolo Controtempo, per la peculiarità del montaggio e la qualità tecnica delle riprese. “Attraverso un montaggio serrato, che affianca spezzoni di concerti, brindisi con alcuni tra i vini più prestigiosi del Collio e il duro lavoro sui filari delle vigne - spiegano Chiara Valenti Omero di Casa del Cinema e Paola Martini di Controtempo - il suo corto ha saputo cogliere al meglio lo spirito di Jazz&Wine of Peace”.

“Durante le giornate del Festival - racconta il vincitore - ho avuto la possibilità di scoprire un territorio denso di storie e di nodi. Attraverso l'uso del mezzo filmico mi sono perso nella musica, nel paesaggio e nella ricerca delle immagini d’archivio del paese. Grazie ai Tocs di Cormòns ho potuto accedere alle fotografie dimenticate, che qualcuno prende e salva dall'oblio. Con il montaggio ho tentato di tessere, allontanando e avvicinando, un passato dimenticato e un presente che sembra assente, che qui riesce a manifestarsi nella musica o nella produzione di ottimi vini, che assieme forse uniscono più delle parole o delle immagini. È stata un'occasione per tentare di fondere quello che (non) si vede e quello che (non) si ascolta”.

Commenti (0)
Comment