Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto “Stars & Movies”

Cultura e Spettacolo
23 febbraio 2017

Il nuovo viaggio delle eccellenze musicali del FVG

di Giovanni Candussio (Ufficio stampa Azalea Promotion)
L’orchestra Piano Twelve e il Coro Polifonico di Ruda insieme sul palco per riproporre le colonne sonore che hanno fatto sognare milioni di persone. L'esordio in programma a Udine
CONDIVIDI
18086
L'orchestra Piano Twelve (ph. Azalea Promotion)
Cultura e Spettacolo
23 febbraio 2017 di Giovanni Candussio (Ufficio stampa Azalea Promotion)

L’orchestra Piano Twelve, con i suoi dodici pianoforti, e il Coro Polifonico di Ruda, fra i cori virili più famosi al mondo, due autentiche eccellenze musicali e culturali del Friuli Venezia Giulia, si fondono assieme per presentare un nuovo emozionante progetto, un viaggio musicale attraverso le colonne sonore che hanno fatto sognare, divertire ed emozionare milioni di persone. Il nuovo spettacolo, dal titolo “Stars & Movies”, che vede la direzione artistica del Maestro Valter Sivilotti, compositore e direttore d'orchestra tra i più acclamati della sua generazione, verrà presentato in prima assoluta il prossimo 12 luglio al Castello di Udine (inizio alle 21.30).

“Siamo orgogliosi – ha commentato l’assessore alla Cultura del comune di Udine, Federico Pirone – di presentare per la prima volta a Udine questo progetto:  uno spettacolo di altissima qualità, basta considerare la caratura artistica dei soggetti che lo proporranno sul palco, a partire dalla direzione artistica affidata al M° Sivilotti”.

Un'orchestra di dodici pianoforti e un coro maschile di quaranta elementi accompagnano il pubblico in un percorso musicale tra i classici del grande schermo che hanno fatto sognare intere generazioni. L'ensemble Piano Twelve sceglie come prima tappa del viaggio il mondo dell'amatissimo “E.T”, il piccolo alieno che ha emozionato grandi e piccini, per poi viaggiare indietro nel tempo fino all’epoca romana, con le atmosfere epiche de “Il Gladiatore” di Ridley Scott, e solcare i mari carichi di avventura e mistero dei “Pirati dei Caraibi”. Non poteva mancare un tributo a due capolavori che hanno segnato la storia del loro genere, rispettivamente il musical e l'horror: “Un americano a Parigi”, ispirato all'omonima composizione di Gershwin che ne diventa infatti la colonna sonora, e l'inquietante “Profondo Rosso”, nel quale collaborano il regista Dario Argento e il compositore Giorgio Gaslini. La seconda parte del concerto vede affiancarsi ai pianisti sul palco i quaranta elementi del coro maschile del Polifonico di Ruda, diretto da Fabiana Noro, ed è tutta dedicata al genere del fantasy e della fantascienza: dall'epopea cosmica di “Guerre Stellari” alla magia del giovane “Harry Potter” - entrambi i lavori, come E.T., firmati dal celebre compositore di musica per film John Williams. “The conquest of Paradise di Vangelis“ conclude la serata riportando il pubblico sulla terra, all’epoca di quello storico viaggio verso l'ignoto che fu la scoperta dell'America.

L’orchestra Piano Twelve è composta da dodici musicisti, sei uomini e sei donne, che suonano simultaneamente dodici pianoforti a coda, in un repertorio coinvolgente che spazia da Bach alle rock ballads: i 1056 tasti bianchi e neri si uniscono d'incanto in un intreccio di sequenze ritmate, linee e colori sonori che avvolgono il pubblico per una serata indimenticabile. Nata a Udine nel 2011, l’orchestra si è poi esibita in tutta Italia e all'estero, ottenendo sempre un ottimo riscontro di pubblico e critica. Dopo i concerti al Teatro Duse di Bologna e Strehler di Milano, a Expo 2015 e all’inaugurazione dei mondiali di volley trasmessa in mondovisione e la partecipazione alla trasmissione televisiva Italia's Got Talent, l’ensemble ha recentemente aperto la 90ª edizione di Pitti Uomo a Firenze e si è esibito a Torino ai piedi del coreografico grattacielo Banca Intesa, progettato dall'architetto Renzo Piano.         

Fondato negli anni ’30, il Coro Polifonico di Ruda svolge una intensa attività concertistica internazionale, alternando repertori a cappella ad altri con piccoli ensemble e grandi orchestre. Sotto la direzione di Fabiana Noro dal 2003, il Coro ha ottenuto decine di riconoscimenti ai più importanti concorsi internazionali, ad Arezzo, Tallin, Linz, Graz, Vienna, Shaoxing (Cina), Malaga e Barcellona. Da sempre attento al recupero della musica per coro maschile, ha recentemente realizzato tre incisioni discografiche di carattere monografico dedicate al folclore, alla musica romantica e a quella contemporanea. Il Polifonico di Ruda è stato recentemente protagonista di una docu-fiction prodotta dalla Tico Film. Da alcuni anni si è intensificata la collaborazione alla realizzazione di colonne sonore. Tutte le info sull’evento su www.azalea.it.

Commenti (0)
Comment