Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il 13 maggio la consegna a Udine

Cultura e Spettacolo
13 marzo 2017

Premio Terzani, annunciati i finalisti

di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)
Entro fine aprile al giuria decreterà il vincitore tra Sorj Chalandon, Li Kunwu, Domenico Quirico, Gerard Russell e Brian Turner
CONDIVIDI
18364
Brian Turner (ph. Ufficio stampa vicino/lontano)
Cultura e Spettacolo
13 marzo 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)

Sorj Chalandon per La quarta parete (Keller); Li Kunwu e P.Ôtié per Una vita cinese  (add editore), Domenico Quirico per Esodo (Neri Pozza); Gerard Russell per Regni dimenticati  (Adelphi) e Brian Turner per La mia vita è una paese straniero (NN) sono i cinque finalisti della 13^ edizione del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani, riconoscimento istituito e promosso dall’associazione culturale vicino/lontano di Udine insieme alla famiglia Terzani.

La giuria, riunitasi nei giorni scorsi a Firenze a casa Terzani, ha selezionato i titoli che andranno in votazione a partire da un elenco di quaranta libri: «Cerchiamo ogni anno – commenta Angela Terzani, presidente della giuria – di candidare al premio opere che aiutano a far luce sui retroscena umani, storici o politici delle questioni di maggiore attualità nel mondo. Questo, per restare fedeli allo spirito di Tiziano – alla cui memoria il premio è dedicato – che ha sempre voluto tentare di capire, e far capire, ciò che avveniva di là dai nostri orizzonti». 

I giurati – Giulio Anselmi, Enza Campino, Toni Capuozzo, Tommaso Cerno, Marco Del Corona, Andrea Filippi, Àlen Loreti, Milena Gabanelli, Ettore Mo, Carla Nicolini, Paolo Pecile, Valerio Pellizzari, Peter Popham, Marino Sinibaldi – si sono riservati un supplemento di riflessione prima di passare alla votazione finale. Il vincitore sarà annunciato a fine aprile e sabato 13 maggio, al Teatro Nuovo Giovanni da Udine (ore 21), sarà il protagonista della serata-evento per la consegna del premio, da sempre l’appuntamento centrale del Festival vicino/lontano, in programma quest’anno a Udine dall’11 al 14 maggio. Info www.vicinolontano.it

Sorj Chalandon è stato per trent’anni corrispondente e giornalista per Libération, prima di entrare nella squadra irriverente del settimanale Le Canard Enchaîné. Come inviato ha coperto i maggiori conflitti del secolo scorso, dal Libano all’Afghanistan. A Beirut, nel 1982, fu tra i testimoni dell’eccidio nel campo profughi palestinese di Sabra e Chatila. La quarta parete, vincitore in Francia del Prix Goncourt des lycéens, è ambientato nel Libano della guerra civile, all’inizio degli anni Ottanta, nel pieno del conflitto che dal 1975 al 1990 ha insanguinato il Paese: non un reportage di guerra, ma un libro sulla guerra, sulla sua pervasività, sul suo impatto nel quotidiano di chi la vive.

Li Kunwu è un artista cinese, uno dei pochi della sua generazione a essersi potuto dedicare esclusivamente al fumetto. Specializzato in cartoon di propaganda, oggi lavora allo studio delle minoranze etniche e culturali nella provincia dello Yunnan, una delle più diversificate del paese. Una vita cinese. Il tempo del padre, pubblicato in 16 Paesi, è la sua autobiografia a fumetti, disegnata da Li Kunwu e scritta a quattro mani con P. Ôtié. L’autore si racconta registrando fedelmente le vicende della sua vita, intrecciandole alla storia del suo paese: la Rivoluzione culturale, il Grande balzo in avanti.

Domenico Quirico è giornalista a La Stampa, responsabile degli esteri, corrispondente da Parigi e ora inviato. Ha seguito in particolare tutte le vicende africane degli ultimi vent’anni dalla Somalia al Congo, dal Ruanda alle primavere arabe. Nell'agosto 2011 è stato rapito in Libia e liberato dopo due giorni. Nell’aprile 2013, mentre si trovava in Siria, è stato nuovamente rapito e liberato dopo 5 mesi di sequestro. Esodo. Storia del nuovo millennio è la cronaca dei viaggi fatti in compagnia dei migranti nei principali luoghi da cui partono, e in cui sostano o si riversano. In questo senso, è il racconto in presa diretta dell’esodo che sta già mutando il mondo e la storia.

Gerard Russell, inglese, ha lavorato come diplomatico alle Nazioni Unite per 14 anni. Ha vissuto al Cairo, a Gerusalemme, a Baghdad, a Kabul e a Gedda. Per conto del governo britannico è stato tra i primi a sperimentare l’uso della lingua araba negli incontri con gli esponenti mediorientali. È docente per il Programma di Sicurezza Internazionale della New America Foundation e del Foreign Policy Centre di Londra. Regni dimenticati. Viaggio nelle religioni minacciate del Medio Oriente è il suo primo libro: racconta di un altro Medio Oriente, una terra di straordinaria diversità religiosa e di scambi fecondi tra culture, e di un altro Islam, una civiltà che in passato ha saputo esprimere grande tolleranza verso i culti religiosi pagani  assai più dell'Europa cristiana. Russell ci introduce a fedi orgogliose e millenarie progressivamente stritolate dai blocchi contrapposti delle «grandi religioni mondiali».

Brian Turner, oggi saggista e docente universitario, è stato un soldato, figlio e nipote di militari, ha servito per sette anni nell’esercito americano: in Bosnia-Erzegovina e in Iraq, in Medio ed Estremo Oriente. Lasciate le armi, ha debuttato nel 2005 con la raccolta di poesie Here, Bullet, ottenendo riconoscimenti di critica e di pubblico. La mia vita è un paese straniero è il suo primo romanzo, un memoir dedicato all’esperienza di guerra. Diviso in 136 brevi capitoli, segue l’autore dall’infanzia all’arruolamento, fino al ritorno a casa. Le sue esperienze si fondono con quelle del padre e del nonno, con i giochi da bambino e le vite degli amici caduti in battaglia. Così, tutti i conflitti si dispiegano sotto di lui in un unico, immenso territorio di guerra e violenza.

Commenti (0)
Comment