Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grazie al contributo della Fondazione Friuli

Attualità
19 giugno 2017

Cividale, acquistata vettura per trasporto disabili

di redazione (fonte Ufficio stampa Comune di Cividale)
Attrezzata per accogliere persone in carrozzina, sarà a disposizione degli operatori del Servizio Sociale dei Comuni dell’UTI del Natisone
CONDIVIDI
19831
(ph. Comune di Cividale)
Attualità
19 giugno 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Comune di Cividale)

Una Fiat Doblò attrezzata per il trasporto di persone disabili in carrozzina è stata consegnata agli operatori del Servizio Sociale dei Comuni dell’UTI del Natisone alla presenza del sindaco del Comune di Cividale del Friuli, Stefano Balloch, e del neo Presidente della Fondazione Friuli, Giuseppe Morandini.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone (ora Friuli), al fine di favorire il benessere e contrastare le fragilità sociali nell’anno 2015 aveva indetto un bando a tema “Assistenza anziani”, mirato a cofinanziare progetti e iniziative di terzi con l’obiettivo di promuovere la domiciliarità dell’anziano attraverso il potenziamento del servizio di trasporto e di assistenza domiciliare svolto dai Servizi Sociali dei Comuni degli Ambiti distrettuali (ora UTI). Nel mese di gennaio 2016 il Comune di Cividale del Friuli, Ente Gestore dell’Ambito distrettuale del Cividalese, aveva presentato alla Fondazione il progetto “Quattro ruote in più” con la richiesta di contributo per l’acquisto di un’autovettura adibita anche al trasporto di persone disabili.

La Fondazione ha accolto positivamente la domanda partecipando con un cofinanziamento pari a un terzo circa della spesa complessiva sostenuta dai Comuni facenti parte dell’Ambito distrettuale.

Il mezzo sarà utilizzato dagli operatori per il servizio di trasporto e di accompagnamento nell’ambito dell’assistenza domiciliare diretta, mantenendo la collaborazione con le associazioni di volontariato che operano nei Comuni dell’Ambito. 

Commenti (0)
Comment