Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata la 14^ edizione del festival internazionale

Cultura e Spettacolo
21 giugno 2017

Trieste capitale del rock progressive

di redazione (fonte Studio Sandrinelli)
Dal 29 luglio cinque serate con interpreti locali e stranieri. Attivata una borsa di studio in memoria di Samuele Orlandi
CONDIVIDI
19853
I Fist of Rage
Cultura e Spettacolo
21 giugno 2017 di redazione (fonte Studio Sandrinelli)

Presentata la quattordicesima edizione del “Trieste Summer Rock Festival”, organizzato dall’associazione “Musica Libera”, grazie al sostegno del Comune di Trieste e della Fondazione CRTrieste, che avrà inizio sabato 29 luglio e proseguirà mercoledì 2 e giovedì 3, sabato 5 e domenica 6 agosto. Tutti i concerti sono a ingresso gratuito, a eccezione di quello di giovedì 3 agosto.

Celebrare, attraverso un festival internazionale, la musica rock capace di attirare un numeroso pubblico di giovani e non solo, da tutt'Europa. Anche quest'anno è questo l'obiettivo della manifestazione, inserita nel calendario di Trieste Estate. Oltre 140.000 le persone che in tutti questi anni hanno assistito al festival, tanto da essere definito dalla rivista Jam la "capitale" italiana del rock progressive. 

Il programma di quest'anno vedrà sul palco sabato 29 luglio, ore 19.30,  i Rhapsody of Fire al Castello di San Giusto. I Rhapsody sono un gruppo musicale originario di Trieste co-fondato negli anni novanta da Alex Staropoli che proprio quest'anno celebra i suoi 20 anni di carriera. Nella nuova formazione anche il cantante Giacomo Voli (The Voice of Italy) e il batterista tedesco Manu Lotter.

Special guest della serata i Fist of Rage, band hard rock italiana originaria del Friuli Venezia Giulia.

Il Festival prosegue mercoledì 2 agosto alle ore 21 con l'esibizione della giovane band triestina Pinkover che trasporterà il pubblico nell'atmosfera del concerto dei Pink Floyd “Live at Pompei”.

Il concerto, unico appuntamento con ingresso a pagamento (euro 10), sarà riproposto nella stessa location, sempre alle ore 21, il giorno dopo, giovedì 3 agosto.

Sabato 5 agosto, ore 16, appuntamento speciale “Music is for Winners” concerto tributo dedicato al giovane musicista Samuele Orlando scomparso a marzo di quest'anno. Sul palco più di 20 band triestine dove Samuele suonava per un live della durata di più di 8 ore. Samuele è stato tra i fondatori del Trieste Summer Rock Festival fin dalla prima edizione e nel suo ricordo verrà attivata una borsa di studio per un giovane musicista jazz studente del conservatorio.

Domenica 6 agosto alle ore 21, sempre al Castello di San Giusto, sarà la volta di Billy Cobham & Stanley Jordan Project feat Christian Galvez. Due artisti americani che hanno fatto la storia della musica, riconosciuti e apprezzati in tutto il mondo, presenteranno per questo speciale progetto un mix di suoni e arrangiamenti unici. A loro si unirà il bassista cileno Christian Gálvez, musicista virtuoso dal curriculum invidiabile. 

Nel corso della stessa serata si esibirà anche il triestino Emanuele Grafitti, classe 1992. "Anche il rock è cultura e aiuta a valorizzare e a far conoscere la Città. Per questo la Fondazione CRTrieste ha voluto sostenere diverse edizioni di questa kermesse musicale, che daquattordici anni attira migliaia di persone da tutta Europa che si mettono in viaggio appositamente verso Trieste”, dichiara  Tiziana Benussi, vicepresidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione CRTrieste. 

“Quest’anno - aggiunge Maurizio Bucci, assessore al Turismo e Promozione del territorio del Comune di Trieste - abbiamo voluto con il Festival valorizzare i nostri siti migliori quale vetrina della città e promozione del nostro territorio: il Castello di San Giusto e la magia del Teatro Romano”.

“Questo Festival - conclude Davide Casali, Presidente “Associazione Musica Libera - è un grandissimo palcoscenico per i musicisti triestini, molti dei quali dopo aver suonato sul palco del festival hanno avuto importanti ingaggi. È anche un palcoscenico internazionale dove i grandi gruppi che hanno fatto la storia del rock hanno offerto alla città spettacoli imperdibili, emozioni e rock di ottima qualità”.

Commenti (1)
Comment
Comment
Walter 23/06/2017 14:02
Grande Samu! Manchi...molto :°(