Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al vie escursioni su nuovi itinerari

Turismo
22 giugno 2017

Sulle tracce della Grande Guerra

di redazione (fonte Ufficio stampa PromoTurismo FVG)
Visite guidate notturne e concerti all’alba: l'opportunità di osservare con i propri occhi i campi di battaglia e i luoghi dove vissero i soldati in prima
CONDIVIDI
19875
Visita guidata al parco tematico Bombaschgraben di Pontebba (© Paolo da Pozzo)
Turismo
22 giugno 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa PromoTurismo FVG)

È ripartito, e durerà fino a dicembre 2017, il calendario di visite guidate sui luoghi della Grande Guerra che da quest’anno è organizzato e gestito dagli esperti storici del territorio con la regia di PromoTurismoFVG. Molte le novità proposte: visite guidate notturne, concerti all’alba, diverse tipologie di escursioni e nuovi itinerari.

Le visite guidate porteranno i turisti, ma anche cittadini regionali interessati all’argomento, attraverso itinerari che si snodano all’interno di diversi contesti naturali, dall’Altopiano carsico che circonda Trieste, fino alle cime delle Alpi al confine con l’Austria.

I partecipanti potranno così osservare con i propri occhi i campi di battaglia e i luoghi dove vissero i soldati in prima linea e rivivere, attraverso la narrazione di guide specializzate, storie e curiosità della Grande Guerra.

Fra le novità di quest’anno, oltre alla visita guidata notturna di venerdì 23 giugno del complesso fortificato del Monte di Ragogna con a seguire la rappresentazione teatrale La Guerra Sulle Spalle dell’Associazione culturale Mulino Rosenkranz, sono state introdotte due nuove tipologie di visite e diversi nuovi itinerari. Sul Carso goriziano, anche attraverso i musei all’aperto, alcune escursioni sui luoghi della Grande Guerra sono unite alla attività di nordic walking, mentre nelle Prealpi Giulie e Pordenonesi e nelle Alpi Carniche e Giulie l’accompagnamento in alcuni itinerari prevede, insieme alla guida storica, la presenza di una guida naturalistica, al fine di promuovere così a 360° l’ambiente e la biodiversità del territorio protagonista. 

Tra i nuovi itinerari proposti dagli esperti, per citarne alcuni, la scoperta del ruolo del fiume Timavo durante il periodo bellico o le visite alla Stretta di Fleons e Pierabech, che permettono di scoprire le   difficoltà logistiche e le condizioni di vita non semplici dei soldati lungo questo tratto di fronte o, infine, l’itinerario dell’Alta via della Val Meduna, luogo cardine per capire le dinamiche storiche della ritirata di Caporetto.

Ad esclusione di alcune uscite di trekking, gli itinerari sono adatti a chiunque, si svolgono in mezzo alla natura e coprono l’intero territorio regionale. Le visite guidate Grande Guerra hanno un costo di 10 euro a persona, mentre sono gratuite per i bambini fino ai 12 anni. Maggiori informazioni sugli orari e sulle modalità di prenotazione sul sito www.turismofvg.it.

Commenti (0)
Comment