Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al via progetto internazionale

Cultura e Spettacolo
21 agosto 2017

Il friulano vola con l'Ape Blu

di redazione (fonte Ufficio stampa ARLeF)
Il personaggio Âf Blu di Serena Di Blasio diventa protagonista di una saga d'animazione a puntate per la regia di Matteo Oleotto e la produzione della Tucker Film
CONDIVIDI
20994
Âf Blu
Cultura e Spettacolo
21 agosto 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa ARLeF)

Lo spettacolo teatrale “Âf Blu”, ideato da Serena Di Blasio e trasformatosi poi in un cartone animato – la cui puntata pilota è stata realizzata interamente in Friuli, in lingua friulana e con l’apporto di artisti e professionisti del nostro territorio – grazie al sostegno dell’ARLeF (Agjenzie Regionâl pe Lenghe Furlane) diventa ora un nuovo progetto di respiro internazionale con il coinvolgimento (in fase di produzione) dell’udinese Tucker Film la quale, per la prima volta, si mette in gioco con una produzione seriale animata.

La progettazione triennale prevede la realizzazione di 24 episodi della durata di circa 6 minuti ciascuna, confezionati completamente da talenti friulani sotto la regia di Matteo Oleotto. Il bozzolo di questo primo canovaccio, sarà illustrato ad Avostanis (presso i Colonos di Villacaccia di Lestizza), il 22 agosto, durante la serata di “Provis viertis di culture furlane”.

Secondo l’ARLeF, dopo l’apprezzamento della prima puntata, che ha evidenziato le potenzialità di un prodotto valido dal punto di vista artistico e di una storia molto adatta per trasmettere al pubblico – soprattutto bambini di età prescolare (3-6 anni), ma non solo – valori positivi e universali quali il rispetto per le differenze, l’amicizia, la scoperta delle capacità dei singoli a reagire alle fragilità, il coinvolgimento della Tucker Film apre prospettive concrete per lavorare a uno sviluppo del progetto che, partendo dal Friuli e utilizzando la lingua friulana, possa acquisire un respiro e una diffusione molto ampia e interessante – dal punto di vista culturale, didattico e delle politiche linguistiche –, ma anche dal punto di vista del mercato.

Commenti (0)
Comment