Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Concerto al Verdi in febbraio

Cultura e Spettacolo
19 ottobre 2017

Louise Lortie sbarca a Trieste

di redazione (fonte Ufficio stampa Società dei Concerti)
Anche il pianista di fama mondiale nel cartellone della Società dei Concerti. Un mix tra star rinomate e giovani talenti internazionali. Ecco tutte le date
CONDIVIDI
21903
Louis Lortie (ph. SdC)
Cultura e Spettacolo
19 ottobre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Società dei Concerti)

Firmata dal Maestro Enrico Bronzi, la stagione 2017-18 della Società dei Concerti di Trieste è un binario dal doppio registro su cui viaggeranno le note di grandi e celebri interpreti, come il pianista  Louise Lortie, tra i più rinomati al mondo, e il Duo Tal & Groethuysen, insieme a una serie di appuntamenti che avranno come protagonisti alcuni giovani talenti che si sono distinti nel panorama internazionale musicale. Come Ziyu He, vincitore del Concorso Menuhin di Londra e del Mozart di Salisburgo, che inaugurerà la stagione concertistica l’8 novembre alle 20.30 al Teatro Verdi. O Alessandro Taverna, giovane pianista veneto in grande ascesa che calca regolarmente i palcoscenici più importanti d’Italia, come la Scala di Milano, in calendario il 17 gennaio 2018.

Tutti i concerti si terranno i mercoledì alle ore 20.30 al Teatro Verdi di Trieste. In calendario, dunque, musicisti, formazioni e orchestre rinomate come il pianista Alexander Gadjiev (22 novembre); il Kuss Quartett, uno dei quartetti più prestigiosi del panorama internazionale (6 dicembre, concerto aperto anche ai non tesserati); il quartetto Omer, vincitore del Concorso Paolo Borciani per quartetto d'archi (31 gennaio, anche questo appuntamento aperto a tutti previo acquisto del biglietto). Seguirà un concerto straordinario con il pianista di fama internazionale Louis Lortie (7 febbraio); il Quintetto Laneri, Calvi, Lonquich, Giaccaglia, Antiga con in programma le opere più importanti mai concepite per quintetto con pianoforte e fiati (28 febbraio); Simonide Braconi alla viola insieme al pianoforte di Orazio Sciortino in una serata dedicata al timbro brunito della viola e ai capolavori nati dall’incontro col pianoforte; entrambi suoneranno anche dei brani composti da loro (7 marzo). Il 28 marzo l’Orchestra d'archi italiana, diretta da Enrico Bronzi, racconterà ai tesserati e al pubblico la Danza Tedesca tra cui, in prima assoluta, un brano composto da Simone Fontanelli appositamente commissionato dalla Società dei Concerti. Il programma prosegue il 4 aprile con la violinista Esther Hoppe, insieme ad Alasdair Beatson, mentre il più famoso duo pianistico Tal & Groethuysen salirà sul palco l’11 aprile. Appuntamento il 2 maggio con Clemens Hagen al violoncello e con Stefan Mendl al pianoforte, due musicisti di straordinaria qualità che provengono dai più importanti complessi austriaci: l'Hagen Quartett e il Wiener Klaviertrio. Il 16 maggio chiuderà la stagione Filippo Gamba al pianoforte con il quinto appuntamento incentrato sulle 32 sonate di Beethoven, un progetto pluriennale avviato due anni fa e che si svilupperà fino al 2021.

Quest’anno la Società dei Concerti si apre alla città. Accanto alle avviate rassegne di musica antica, musica nei rifugi e musica contemporanea si affianca la “Musica al Ridotto”: una mini rassegna di quattro concerti affidati a talentuosi artisti di fama internazionale che prenderà il via lunedì 30 ottobre alle 20.30, con il Trio Kanon. Questo concerto si inserisce in una serie di eventi commemorativi svolti in collaborazione con l’Associazione Triestina Amici dei Musei “M. Mascherini” in occasione dei 300 anni dalla nascita di Maria Teresa D’Austria, con musiche di J. Haydn, W. A. Mozart.

Il 13 novembre sarà la volta di Filippo Gamba, le cui interpretazioni delle sonate di Beethoven sono manifestazioni di una straordinaria profondità di pensiero musicale. L’humour graffiante è in lui strumento di conoscenza e dialoga di continuo con il perturbante, come si conviene a un viaggio beethoveniano, che qui entra nel vivo dell’integrale sonatistica. Quindi sarà la volta del Trio Animè, che già da qualche anno si sta imponendo alla più attenta critica musicale italiana per la brillantezza del suono e per il carattere dell’ensemble. I componenti del trio hanno tutti alle spalle un’importante formazione musicale e prestigiosi riconoscimenti. Il concerto si terrà lunedì 20 novembre, in programma musiche di C. Matti, L. Van Beethoven, F. Mendelssohn. Infine il 27 novembre sarà la volta di Sebastian Bertoncelj al violoncello e Lorenzo Cossi al pianoforte: due giovani e bravissimi interpreti, selezionati da una giuria internazionale e premiati come i migliori giovani artisti della rassegna dal festival internazionale Nei Suoni dei Luoghi. Suoneranno a Trieste musiche di R. Strauss, A. Schnittke, C. Debussy e C. Franck. 

Commenti (0)
Comment