Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il 21 luglio in piazza Unità

Cultura e Spettacolo
18 dicembre 2017

Grande musica in FVG, arriva anche David Byrne

di redazione (fonte Ufficio stampa Azalea)
Dopo il concerto degli Iron Maiden, nell'estate 2018 Trieste ospiterà anche il tour del fondatore dei Talking Heads
CONDIVIDI
22829
(ph. Azalea)
Cultura e Spettacolo
18 dicembre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Azalea)

Dopo l’ufficializzazione delle scorse settimane del concerto degli eroi dell’heavy metal Iron Maiden, la città di Trieste vede oggi annunciato un secondo grande appuntamento con la musica internazionale per la prossima stagione estiva. Sabato 21 luglio, nella cornice di Piazza Unità d’Italia, arriverà in concerto una delle figure di spicco della musica new wave americana, David Byrne.

Musicista, compositore, produttore, regista, autore e fondatore dei Talking Heads, Byrne porterà in Friuli Venezia Giulia l’unico concerto nel Nordest della parentesi italiana della sua nuova tournée europea. I biglietti per l’evento, organizzato da Zenit srl, in collaborazione con il Comune di Trieste e la Regione Friuli Venezia Giulia, saranno in vendita dalle ore 10 di martedì 19 dicembre, sul circuito Ticketone e sui circuiti esteri Oeticket.com, Eventim.si e Eventim.hr. Tutte le informazioni e i punti vendita su www.azalea.it .

Fondatore e frontman dei Talking Heads dal 1974, creatore dell’etichetta “Luaka Bop”, David Byrne, fin dagli inizi della sua carriera, è un talento in continua esplosione. Americano di origine scozzese, ha vinto, nella sua lunga ed ancora proficua attività, un Oscar, un Golden Globe e un Grammy Award alla migliore colonna sonora per il film “L’ultimo imperatore” (1988), diretto da Bernardo Bertolucci. Fra i grandi riconoscimenti per l’attività musicale cinematografica ottenuti dall’artista spiccano anche due David di Donatello, uno per le musiche di “This Must Be The Place” (2012) di Paolo Sorrentino ed uno per la miglior canzone originale contenuta nella stessa colonna sonora, dal titolo “If It Falls, It Falls”.

Ma la carriera artistica di Byrne continua: l’artista infatti espone visual art da oltre un decennio. Le sue più recenti opere includono “Joan of Arc: Into the Fire”, una rivisitazione teatrale della storica Giovanna D’Arco, presentato in anteprima quest’anno al Public Theatre di New York, “The Institute Presents: Neurosociety”, una serie di installazioni interattive create in collaborazione con PACE Arts + Technology (2016), “Contemporary Color”, un evento ispirato alla tradizione folk americana, presentato nel 2015 al Barclays Center di Brooklyn ed al Toronto Air Canada Centre, “Here Lies Love”, una produzione teatrale di 22 composizioni realizzate in collaborazione con Fatboy Slim sulla vita di Imelda Marcos e presentata in anteprima al Public Theatre di New York (2013) a cui ha fatto seguito una lunga tournée sold-out al London National Theatre (2014-2015). Tra le sue più recenti produzioni, quella con St. Vincent per il disco “Love This Giant” (2012) ed il libro “How Music Works” (2012), uno studio sulla storia, l’esperienza e l’aspetto sociale e sociologico della musica.

David Byrne, artista e mente creativa dalle indiscusse doti, ha lasciato un segno nella storia della musica attuale fondando i Talking Heads, band sperimentale e d’avanguardia in grado di combinare musica bianca e musica nera, costituendo una delle colonne portanti della new wave americana. Con questa band ha firmato album e canzoni memorabili come “Psycho Killer”, singolo inserito nell’album di debutto “Talking Heads: 77”, capace di vendere milioni di copie nel mondo. Successivamente – e contemporaneamente - ai Talking Heads, David Byrne intraprende dal 1981 una lunga ed illuminante carriera solista, collaborando con artisti del calibro di Brian Eno, Ryuichi Sakamoto (con il quale ha vinto l’Oscar per “L’Ultimo Imperatore”), St. Vincent (con la quale ha appunto pubblicato l’album “Love This Giant” nel 2012). La sua passione per la world music lo porta a fondare la “Luaka Bop”, la rinomata etichetta di Os Mutantes, Jim White, Los De Abajo, Atomic Bomb Band ed altri. Inserito dal 2002 nella Rock and Roll Hall of Fame, David Byrne è un vulcano di idee che sfociano in un’iperproduttività caratterizzata da fusione, contaminazione, creatività e sperimentazione, con oltre quarant’anni di carriera alle spalle, senza mai perdere l’aplomb nemmeno per un attimo.

Commenti (0)
Comment