Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il 20 gennaio la premiazione al Miela

Cultura e Spettacolo
17 gennaio 2018

Trieste Film Festival, Rade Šerbedžija è la stella dell'Est

di redazione (fonte Ufficio stampa TFF)
Il drammaturgo, poeta e musicista croato si aggiudica la terza edizione dell'"Eastern Star". Premio speciale anche per Livio Jacob e Piera Patat della Cineteca del Friuli
CONDIVIDI
23234
Rade Serbedzija (ph. TFF)
Cultura e Spettacolo
17 gennaio 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa TFF)

Per il terzo anno consecutivo, il Trieste Film Festival (in programma dal 19 al 28 gennaio) assegna due riconoscimenti speciali: l'Eastern Star Award, che segnala una personalità del mondo del cinema che con il suo lavoro ha contribuito a gettare un ponte tra l'Europa dell'est e dell'ovest, e il Cinema Warrior Award, che premia l'ostinazione, il sacrificio e la follia di quei "guerrieri" che combattono dietro le quinte del cinema.

L'Eastern Star 2018 è il drammaturgo, poeta e musicista croato Rade Šerbedžija. "Dopo due straordinarie attrici come Iréne Jacob e Monica Bellucci – spiegano Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo, direttori del festival - la scelta è caduta per la prima volta su un attore, tra i volti più popolari e versatili del panorama internazionale. Un interprete che ha dimostrato di sentirsi perfettamente a proprio agio nelle cinematografie di ogni latitudine: dalla ex Jugoslavia (un titolo su tutti: Prima della pioggia di Milcho Manchevski, Leone d'oro alla Mostra di Venezia) all'Italia (La tregua di Francesco Rosi, Il dolce rumore della vita di Giuseppe Bertolucci, Io sono Li di Andrea Segre), senza contare la lunga avventura nel cinema USA con maestri con Stanley Kubrick (Eyes Wide Shut), John Woo (Mission: Impossible II) e Clint Eastwood (Space Cowboys)". Ma il premio - continuano Romeo e Grosoli - "vuol essere un riconoscimento, oltre che alla carriera artistica, anche all'impegno civile di una persona che si è sempre distinta per le posizioni apertamente e coraggiosamente antibelliche e per non essere mai scesa a compromessi".

La premiazione si terrà sabato 20 gennaio alle ore 20.15 al Teatro Miela.

Il Cinema Warrior Award premia invece Livio Jacob e Piera Patat, tra i fondatori e tuttora colonne portanti della Cineteca del Friuli. Un premio alla carriera che arriva in un momento particolare della loro storia: dopo i 40 anni dalla fondazione della Cineteca, festeggiati nel 2017, si celebrano nel 2018 i primi dieci anni dell'Archivio Cinema del Friuli Venezia Giulia, avviato nel marzo 2008, e i 30 anni dalla ricostruzione del Cinema Teatro Sociale, appena entrato nel decimo anno di gestione della Cineteca.

Quella che oggi è una delle cinque maggiori cineteche italiane nacque con le proiezioni itineranti che Livio e Piera organizzarono con l'aiuto di altri amici fin dall'estate del 1976 nelle tendopoli sorte a Gemona e nei paesi vicini colpiti dal terremoto del 6 maggio di quell'anno. Fu durante quegli spettacoli che nacque l’idea di costituire un cineclub con una sede stabile a Gemona. Qualche anno dopo, nacquero le Giornate del Cinema Muto, fondate con Cinemazero nel 1982 e diventate un appuntamento di rilievo internazionale.

La premiazione si terrà domenica 28 gennaio alle ore 19 al Politeama Rossetti.

Commenti (0)
Comment