Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

In fiera fino al 18 aprile

Società
16 aprile 2018

Vinitaly, è subito boom per il FVG

di redazione (fonte Ersa)
Oltre 107 aziende in mostra allo stand dell'Ersa. In crescita gli incontri con gli acquirenti e gli eventi speciali
CONDIVIDI
24856
(ph. Ersa)
Società
16 aprile 2018 di redazione (fonte Ersa)

Presenze record con oltre 107 aziende in mostra (+3% rispetto all’anno scorso) allo stand Ersa nel padiglione 6 a Vinitaly, che si è aperto ieri a Verona alla presenza del direttore dell’agenzia regionale per lo sviluppo rurale Serena Cutrano e dell’assessore regionale alle Risorse agricole. In crescita anche gli incontri con i buyers (quest’anno saranno 5 e le aziende ne incontreranno circa un centinaio provenienti, fra l’altro, dal Nord America, dall’Asia e dal Nord Europa) e gli eventi “speciali” nella saletta dedicata, con 16 appuntamenti in programma nelle quattro giornate.

Più di 500 gli accrediti al banco dell’enoteca regionale del FVG, per oltre 2.000 calici offerti, con un’ottima richiesta di uno dei fiori all’occhiello della Regione, la Ribolla gialla spumantizzata. Oltre che i vini delle varie zone DOC e DOCG, il banco proporrà focus particolari sui vini marchiati DOC Friuli e sui Pinot grigi regionali marchiati DOC delle Venezie. Per agevolare le degustazioni, In collaborazione con il Consorzio per la tutela del Formaggio Montasio, vengono forniti degli assaggi di formaggio mezzano.

Circa 12.000 i calici lavati e movimentati ogni giorno da 22 addetti, 45 le aziende FVG fuori collettiva alle quali viene esteso il servizio di fornitura e lavaggio calici, 13 i sommelier dell’AIS FVG impiegati nella mescita in enoteca e nella saletta eventi.

Sono alcuni dei numeri che segnano un avvio di successo per la presenza organizzata del Friuli Venezia Giulia alla più grande rassegna vitivinicola d’Italia, in corso a Verona fino al 18 aprile, dove l’inaugurazione è stata nel segno della solidarietà, con i progetti “Diversamente DOC” della Anfass Udine in collaborazione con l’Azienda Colutta, “Diamo un taglio alla sete”, aziende vitivinicole impegnate nella creazione di pozzi per il prelievo di acqua potabile in Africa, “Fatto in paradiso dall’Azienda Lis Neris”, un vino fatto per aiutare i bambini di Francesca Pecorari, “Vino della solidarietà” della Cantina produttori di Cormons in collaborazione con Anfass Gorizia.

Novità sul versante del contratto triennale con VeronaFiere spa per il periodo 2018/20 con opzione per il 2021, che comporterà un risparmio per l’Amministrazione regionale di oltre 600.000 euro nel quadriennio, dovuti anche all’”economia di scala” realizzata con l’utilizzo di parte delle strutture del Vinitaly anche per la realizzazione degli stand istituzionali nelle manifestazioni estere quali ProWein in Germania e Vinexpo in Francia. Il nuovo contratto ha previsto anche il rinnovamento estetico e funzionale dello stand attivo già dal 2010, con particolari interventi sulla visibilità, sull’illuminazione e sulle dotazioni tecnologiche. II restyling ha beneficiato anche della cifra stilistica apportata dalla collaborazione con le imprese della filiera del legno in FVG.  Il costo della manifestazione, compresa anche la promozione a mezzo stampa nazionale, è di circa 1 milione di euro al quale le aziende partecipanti concorrono per circa il 35%. Quindi 650.000 euro a carico della Regione e 350.000 a carico delle aziende partecipanti.

Non solo vino, ma anche promozione del territorio: consolidata la collaborazione con PromoturismoFVG, presente nello stand istituzionale con un desk dedicato alla promozione del FVG e con un focus particolare sulle Strada del Vino e dei Sapori, nonché partner nella realizzazione della scenografia esterna che incornicia i 4 portali d’ingresso al padiglione 6 dando il benvenuto ai visitatori con altrettante immagini della regione.

Commenti (0)
Comment