Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Exploit alla Coppa Italia di Ancona

Sport
15 maggio 2018

Scherma, da Udine la nuova Stella italiana

di redazione (fonte ASU Udine)
Il tiratore friulano è l'unico in Italia a essersi classificato per la finale sia nel fioretto che nella spada, nello stesso anno
CONDIVIDI
25330
Da sinistra Alberto Stella e Fabio Zannier
Sport
15 maggio 2018 di redazione (fonte ASU Udine)

Alberto Stella torna a far volare il fioretto targato Asu – Associazione Sportiva Udinese. Il giovane atleta e istruttore ha sbaragliato la concorrenza (160 i partecipanti in totale) conquistando, al PalaIndoor di Ancona, il secondo posto in occasione della Coppa Italia. Ma non è l’unico risultato che Stella ha portato a casa. Alberto si è infatti classificato 8°, su oltre 440 tiratori, anche nella Coppa Italia di Spada, che si è tenuta sempre ad Ancona: “È l’unico tiratore in Italia che si è classificato per la finale sia nel fioretto che nella spada, nello stesso anno. Un caso più unico che raro”, ha sottolineato il suo secondo allenatore, Fabio Zannier, che lo ha accompagnato in gara.

Il 23enne friulano, allenato dal Maestro Roberto Piraino, ha ceduto solo ai colpi di Tommaso Chiappelli del ‘Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo’ che lo ha battuto 15 a 13, conquistando così l’oro, con l’ultima stoccata dubbia.

L’istruttore Asu “ha fatto bene nei primi gironi. Superato ‘lo scoglio’ dei primi 16 – ha chiarito Zannier – ha poi dominato gli avversari”. Battuto con un netto 15 a 6 il mestrino Alvise Dal Santo (Circolo Scherma Mestre), ha infilato un 15 a 8 anche a Giancarlo Scarascia Mugnozza, della Capitolina Scherma di Roma. A quel punto si è trovato di fronte e Francesco Cosenza della Scherma Treviso, un duello con un’ultima stoccata a favore dello schermidore bianconero che ha vinto 15 a 14. Inarrestabile, Stella ha sconfitto il quotato Tommaso Lari delle Fiamme Oro Roma. “Nessuno è andato in doppia cifra con Alberto – ha spiegato entusiasta Zannier –, ha dominato tutti gli incontri”, fatta eccezione per Chiappelli che si è posizionato in prima posizione.

“Il nostro progetto sul fioretto – ha chiarito il referente della scherma Asu, Gabriele Parmeggiani –è partito da quasi due anni e inizia a dare i suoi frutti. Un lavoro impegnativo che è solo all’inizio e che guarda ai prossimi 5-7 anni. La società e i tecnici stanno lavorando molto per ricostruire un’intera sezione, quella della scherma, appunto. Un’operazione importante e che ha bisogno dei sui tempi”.

Ma Stella non è il solo a far sognare la società. Con lui, alla spada, un altro tiratore che veste la maglia dell’Asu si è fatto notare. È Giovanni Battista Buzzi, 22enne di Casale Monferrato, studente della Scuola Superiore di Udine, che da tre stagioni fa parte della squadra bianconera: “Ha perso l’assalto per i 16mi, classificandosi al 19° posto. Un vero peccato – ha spiegato l’allenatore Fulvio Floreani – perché ha condotto un’ottima gara. Ma restiamo comunque soddisfatti per la sua prova”.

Non finisce qui per Asu, perché la squadra maschile di fioretto, impegnata ad Adria nei Campionati italiani, è salita dalla B2 alla B1 (Lorenzo Bardelli, Federico Forner Muschietti, Filippo Pesce, Alberto Stella). Molto bene anche la squadra di spada (composta da Giovanni Battista Buzzi, Alberto Stella, Andrea Favaro, Patrick Giusto) che sempre ad Adria per una stoccata non è passata dalla B1 alla A2: “Peccato, perché i ragazzi sono sempre stati in vantaggio e soprattutto hanno fatto una gara di grande qualità, perdendo 42 a 41”, ha raccontato Floreani.

Infine la giovanissima Elisa Perrone (14enne al suo esordio nei cadetti) a Casale Monferrato si è qualificata fra le prime 16 e quindi sarà fra le protagoniste delle finali che si terranno a Verona il 25 maggio, dove saranno presenti le 42 cadette più forti d’Italia.

Stella è invece atteso il prossimo 7 giugno a Milano ai Campionati italiani assoluti, anche lui assieme ai primi 42 schermidori italiani.

Commenti (0)
Comment