Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grazie al Teatro Stabile La Contrada

Cultura e Spettacolo
09 ottobre 2018

A Trieste il meglio della comicità italiana

di redazione (fonte Azalea)
Ale e Franz, Natalino Balasso e Marta Dalla Via, Giuseppe Giacobazzi: annunciati tre grandi spettacoli. Ecco le date
CONDIVIDI
27011
Ale e Franz (ph. Azalea)
Cultura e Spettacolo
09 ottobre 2018 di redazione (fonte Azalea)

Nei prossimi mesi saranno tre gli appuntamenti al Teatro Stabile La Contrada di Trieste con protagonisti assoluti i re della risata italiana, che porteranno a Trieste i loro nuovi spettacoli. Si comincia il 28 novembre con l’arrivo del duo Ale e Franz con lo spettacolo “Nel nostro piccolo”; il 25 gennaio sarà poi la volta di Natalino Balasso, affiancato da Marta Dalla Via, con lo show “Delusionist”; chiuderà il tris Giuseppe Giacobazzi con “Noi – Mille volti e una bugia”, il prossimo 30 marzo.

Ale & Franz stanno attraversando lo stivale con l’applaudito “Nel Nostro Piccolo”, spettacolo nel quale si ispirano “all’aria di Milano” e a due grandi artisti d’eccezione, Giorgio Gaber e Enzo Jannacci, punti fermi per la loro carriera, scintilla che ha permesso loro di vedere l’uomo come il centro di tutto. “Nel Nostro Piccolo” infatti è un viaggio alla ricerca del loro punto di partenza, quello che ha mosso la loro voglia e ricerca di comicità. È il racconto di un mondo visto dalla parte di chi ha il coraggio, con le proprie idee, di vedere dentro la vita di ognuno e di raccontare le piccolezze, le sconfitte, le paure che ci accompagnano. Ridendo, ovviamente.

Con “Delusionist”, Natalino Balasso e Marta Dalla Via raccontano un presente alternativo dove non c’è più niente da recitare. I tempi son coriacei. Anche chi ha un obiettivo base come campare si trova a fare i conti con uno standard di sopravvivenza sempre più alto e con la frustrazione che ne deriva. Tutti vivono una specie di paradosso di Zenone economico: la soddisfazione, anche se lenta, è sempre leggermente avanti a noi. Oggi, esistere, è pura performance, e diventa salvifica una pillola che permette di rimanere accesi sette giorni su sette ventiquattro ore su ventiquattro. Un semplice modo per debellare l’oltraggio alla produttività fatto dal tempo passato a dormire, o sognare forse. Questo farmaco è il protagonista del loro racconto. Insieme ai suoi effetti collaterali.

Andrea Sasdelli alias Giuseppe Giacobazzi, ovvero l’uomo e la sua maschera. “Noi – Una maschera e mille bugie” è un dialogo, interiore ed esilarante, di 25 anni di convivenza a volte forzata. 25 anni fatti di avventure ed aneddoti, situazioni ed equivoci, gioie e malinconie, sempre spettatori e protagonisti di un’epoca che viaggia a velocità sempre maggiore. Dove in un lampo si è passati dalla bottega sotto casa alle “app” per acquisti, dal ragù sulla stufa ai robot da cucina programmabili con lo smartphone; il tutto vissuto dall’uomo Andrea e raccontato dal comico Giacobazzi. Come in uno specchio, o meglio come in un ritratto (l’omaggio a Dorian Gray è più che voluto), dove questa volta ad invecchiare è l’uomo e non il ritratto. Sono proprio questi i “Noi” che vediamo riflessi nei nostri mille volti (i rimandi letterari non mancano, dal già citato Wilde a Pirandello, da Orwell a Hornby), convivendo, spesso a fatica con la bugia del compiacerci e del voler piacere a chi ci sta di fronte.

Commenti (0)
Comment