Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Per la settima edizione di "Cucinare"

Turismo
05 febbraio 2019

A Pordenone i professionisti della cucina

di redazione (fonte Pordenone Fiere)
Al via sabato il Salone dell’enogastronomia: quattro filoni tematici per i visitatori e grandi chef in arrivo da tutta Italia
CONDIVIDI
28272
La conferenza stampa di presentazione di Cucinare 2019
Turismo
05 febbraio 2019 di redazione (fonte Pordenone Fiere)

Numerose le novità della settima edizione di Cucinare, Salone dell’enogastronomia e delle tecnologie per la cucina in programma dal 9 all11 febbraio alla Fiera di Pordenone.

Una rinnovata formula offrirà ai visitatori quattro filoni tematici che ognuno potrà seguire per approfondire gli aspetti della cucina che più rispecchiano i propri interessi e costruire così un proprio personale percorso di visita a Cucinare. Questi i temi che saranno al centro del programma di oltre 100 eventi tra master class, degustazioni, talk show, dimostrazioni in gran parte già sold out con la prevendita online partita da pochi giorni. SALUTE, per chi sceglie una cucina sana oltre che buona e per chi deve fare i conti con le allergie o intolleranze alimentari, TERRITORIO, per valorizzare prodotti tipici, IGT, DOP, presidi slow food, chef e ristoranti locali, CUCINA GREEN, dedicato alle nuove tendenze alimentari vegana, vegetariana e naturale, TENDENZA&RICERCA, con le innovazioni del settore agroalimentare in primo piano. Quest’ultimo settore è curato e coordinato da Davide Paolini, il gastronauta del Sole 24 Ore che assegnerà anche il premio “Il nuovo che avanza” agli espositori che avranno presentato il prodotto più innovativo, la rivisitazione meglio riuscita di un prodotto tradizionale, la comunicazione o il packaging più creativo.

Ritornano anche per il 2019 le aree VINUM, rassegna di cantine di qualità, e BEER&CO, uno spaccato dell’arte brassicola veneta e friulana, ma non solo. Ai produttori locali – Birra Galassia di Pordenone, Birrificio Il Maglio di Galliera Veneta, B2O di Caorle, Birra Follina dell’omonima località trevigiana, e il Birrificio Acelum di Castelcucco – si unirà anche Caulier, marchio belga, noto tra l’altro per le sue birre senza zucchero e senza glutine. I birrifici di Beer&Co, insieme a un altro espositore della Fiera – La Birra di Meni di Cavasso Nuovo – saranno protagonisti delle degustazioni curate e guidate dalla giornalista e biersommelière Chiara Andreola: che, per l’edizione 2019, ha rinnovato la veste di questi eventi (tutte le sere alle 18). Nel primo in programma sabato, intitolato “Ogni birra ha la sua pizza, ogni pizza ha la sua birra”, si cercherà di riscoprire e valorizzare questo binomio grazie alla creatività dei birrai e dei pizzaioli. Domenica si parlerà di “Questione di stile”: a oggi sono classificati oltre un centinaio tra stili e sottostili, che danno vita a una varietà di profumi e sapori. Si scoprirà quindi come riconoscerli, qual è la loro storia, e come degustarli al meglio. Infine lunedì si andrà a esplorare un altro binomio che si sta imponendo in questi ultimi anni, quello tra birra e cioccolato: anche qui la creatività di un artigiano del cioccolato – Adelia Di Fant – e quella degli artigiani della birra daranno vita a insoliti e curiosi accostamenti.

Per il settimo anno consecutivo, da quando la manifestazione è stata creata, il salone dell’enogastronomia e delle tecnologie per la cucina sarà sostenuto da Crédit Agricole FriulAdria con il ruolo di main partner. Oltre a supportare l’intero programma della rassegna, la banca legherà il proprio nome all’arena teatro dei numerosi show cooking che rappresentano una delle maggiori attrazioni di ogni edizione. Nell’Arena Crédit Agricole FriulAdria si terrà anche la consegna (sabato 9 febbraio) del Premio “Crédit Agricole FriulAdria Giovani Chef” a Ivan Bombieri, chef veronese oggi alla guida della cucina del ristorante “La Taverna” di Colloredo di Monte Albano.

Ecco alcuni ospiti di eccellenza di Cucinare 2019: protagonista dell’inaugurazione e di un successivo show cooking, sabato 9 febbraio, sarà Tessa Gelisio, conduttrice televisiva di programmi dedicati alla natura e alla cucina, scrittrice e ambientalista, che consegnerà anche un premio al miglior Chef emergente del 2019.

Sempre nella prima giornata di Cucinare Davide Paolini condurrà un talk show e degustazione di vino con due produttori di eccellenza del Nordest e Pietro Leemann, l’unico stellato Michelin che propone solo cucina vegetariana e vegana, presenterà al pubblico alcune delle sue ricette di maggior successo. Il territorio tra tradizione e innovazione sarà al centro degli eventi di domenica 10 febbraio. Davide Paolini condurrà i visitatori alla scoperta della filiera del latte attraverso un talk show-degustazione, Damiano Carrara, Star di Food Network America, Bakeoff Italia e Cake Star, presenterà una sua ricetta rivisitata dall’intervento di uno chef del territorio, Luigi Biasetto, campione mondiale di pasticceria, presenterà una masterclass con alcune ricette tradizionali rivisitate in ottica moderna. Lunedì 11 febbraio Ernst Knam, chef e maestro pasticcere tedesco, ma milanese d’adozione, giudice di Bake Off Italia, realizzerà una delle sue ricette simbolo all’interno di una masterclass presentata da Davide Paolini. Tra i professionisti che saliranno in cattedra nell’arena eventi Davide Larise, Carlo Nappo, Marco Talamini e altri.

COOP ALLEANZA 3.0. proporrà al proprio stand il test “Approvato dai Soci”: i visitatori saranno invitati ad assaggiare i nuovi prodotti arrivati in casa COOP. Solo i più votati avranno il bollino di qualità In programma anche iniziative rivolte ai più piccoli. Novità anche per l’ex-Arena Ascom - Fipe che quest’anno verrà denominata Pordenonecucina per ospitare i migliori chef pordenonesi e le iniziative di valorizzazione dei prodotti del territorio. Riconfermata la partecipazione a Cucinare della Regione Friuli Venezia Giulia con uno stand realizzato quest’anno da PromoTurismoFVG in collaborazione con il Comitato Regionale Pro Loco FVG e la Strada dei Vini e Sapori Friuli Venezia Giulia. Qui le protagoniste saranno 6 Pro-Loco regionali che inviteranno i visitatori  a realizzare i piatti tipici che hanno reso famosi i loro eventi: tutti potranno realizzare, sotto la guida di esperti cuochi, dal frico alle erbe spontanee al Gust’Asìno, dalle crespelle verdi con zucca e montasio, al carpaccio di trota salmonata. 

Commenti (0)
Comment