Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Destinato un gettone da mille euro

Attualità
13 febbraio 2019

Trieste, premio OPI a "Oltre quella sedia"

di redazione (fonte Opi Trieste)
Riconoscimento per l’attività di sostegno ai disabili e di sensibilizzazione culturale intorno alla disabilità, fisica e intellettiva
CONDIVIDI
28374
Attualità
13 febbraio 2019 di redazione (fonte Opi Trieste)

Va a “Oltre quella sedia”, la onlus triestina di promozione sociale, sostegno ai disabili e sensibilizzazione culturale intorno alla disabilità fisica e intellettiva, la quinta edizione del Premio OPI per Trieste, il bando per buone pratiche socio-sanitarie promosso da OPI, l’ordine delle Professioni Infermieristiche di Trieste. 

«I cittadini – spiega Flavio Paoletti, presidente OPI Trieste – come fruitori ma anche come motore di progetti solidali: alimentare circoli virtuosi aiuta a comprendere la complessità del bisogno sociale e ci permette di diventare “attori” di buone pratiche socio-sanitarie da seminare intorno a noi».

Il progetto di crowdfunding con finalità di supporto socio-sanitario era stato avviato nel luglio scorso con la Serata di Solidarietà che aveva permesso di raccogliere i fondi destinati al progetto, premiato con un gettone di 1.000 euro. L’assegnazione è stata decisa dalla commissione del Premio, composta da Andrea Cassone, Presidente di Giuria e Segretario di OPI Trieste, con Giulia Gerebizza, consigliere del gruppo formazione e Cecilia Trotto, responsabile del Gruppo Immagine.

Offrire alle persone con disabilità intellettiva e fisica la possibilità di incentivare le proprie potenzialità è uno dei meriti riconosciuto alla Onlus “Oltre quella sedia”, che promuove diversi progetti per stimolare l’autonomia, l’integrazione e la creatività delle persone disabili, così come il senso di cittadinanza attiva e di utilità nei confronti della collettività. Le proposte di utilità sociale spaziano dalla collaborazione nella pulizia e riordino dei giardini pubblici della città alla risistemazione delle scuole, all'animazione degli anziani nelle strutture e negli ospedali, agli interventi educativi e formativi nelle scuole.

Commenti (0)
Comment