Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

A seguire Udine, Cividale e Sacile

Attualità
28 marzo 2019

FIDAS Tour, a Gorizia prima tappa in FVG

di redazione (fonte FIDAS)
Arriva in regione il camper che sta attraversando l’Italia per sensibilizzare i giovani alla donazione del sangue
CONDIVIDI
28974
Il camper del FIDAS Tour
Attualità
28 marzo 2019 di redazione (fonte FIDAS)

Venticinque tappe lungo tutto lo Stivale, partendo da Torino per arrivare a Matera. È il FIDAS Tour 2019 che ha preso il via lunedì 25 marzo all’indomani del XX Meeting nazionale Giovani FIDAS per concludersi venerdì 26 aprile in concomitanza con l’apertura del 58° Congresso Nazionale della FIDAS (Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue). Per celebrare i sessant’anni di vita della Federazione nata nel 1959, un camper sta attraversando l’Italia per portare un messaggio sempre attuale: c’è bisogno di sangue, c’è bisogno di persone che con generosità tendano il proprio braccio e c’è bisogno soprattutto di giovani che possano garantire in futuro il mantenimento dell’autosufficienza nazionale per sangue, emocomponenti e medicinali plasmaderivati. Prendendo il via dalla nuova campagna di comunicazione proposta da FIDAS, le cui immagini abbelliscono e identificano il camper, tappa dopo tappa si rinnoverà l’invito a condividere l’energia vitale del dono, fondamentale per quanti ogni giorno necessitano di terapie trasfusionali.

Il camper arriverà venerdì 29 marzo a Goriziasabato 30 raggiungerà Udine e Cividale, mentre domenica 31 sarà a Sacile, grazie alla collaborazione della FIDAS Isontina, dell’AFDS Udine e dell’AFDS Pordenone. L’obiettivo del tour è mantenere alta l’attenzione su un gesto di solidarietà che in Italia coinvolge ogni anno quasi un milione e ottocentomila persone, ma che “abbiamo il dovere di continuare a promuovere in particolare rivolgendoci alle nuove generazioni”, sottolinea il presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La tappa goriziana si inserirà nel programma predisposto dalla FIDAS Isontina per il suo III Congresso provinciale. Venerdì 29 marzo dalle 9.30 alle 11.30 all’interno della sala 2 del Kinemax in piazza della Vittoria si terrà l’incontro con gli studenti delle scuole superiori che hanno effettuato la loro prima donazione nel corrente anno scolastico; sarà presente la dottoressa Viviana Totis, Coordinatrice Centro Regionale Sangue. In tale sede poi verrà premiato il Liceo Buonarroti, vincitore del Premio provinciale “A scuola di dono” e che passerà alla fase nazionale la cui premiazione è prevista nel corso del Congresso nazionale FIDAS di Matera.

Protagoniste sempre le scuole nella tappa udinese. Nella mattina di sabato 30 marzo, infatti, il camper sosterà a piazzale Cavedalis, antistante l’Istituto “A. Zanon” dove nel 1971 è nata la prima sezione studentesca d’Italia di donatori di sangue in Italia. Alla presenza del sindaco di Udine e delle autorità scolastiche, mediche e istituzionali del territorio, tutti gli studenti delle sezioni del territorio si ritroveranno insieme per celebrare il valore del dono; mentre alle 16.30 il camper raggiungerà Piazza del Duomo di Cividale per un momento di celebrazione condivisa con istituzioni e cittadinanza. Infine domenica 31 il FIDAS Tour raggiungerà Sacile.

“Siamo davvero fieri – sottolinea il presidente Caligaris – di poter celebrare il nostro 60mo anniversario con diverse tappe in Friuli Venezia Giulia. La FIDAS è nata nel 1959 grazie alla sinergia di 5 associazioni del dono, tra cui l’AFDS di Udine, rappresentata dall’allora presidente Giovanni Faleschini. E in questi 60 anni le associazioni della regione federate alla FIDAS hanno continuato ad esprimere quegli immutati valori di solidarietà coniugati con una costante azione di promozione del dono e un’attenzione alla tutela del donatore e del ricevente. Per questo il FIDAS Tour è anche il modo con cui vogliamo ringraziare quanti contribuiscono quotidianamente al benessere di chi necessita di terapie trasfusionali”.

Commenti (0)
Comment