Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dal 21 al 23 giugno

Cultura e Spettacolo
17 aprile 2019

Pordenone diventa la città del pianoforte

di redazione (fonte Piano City Pordenone)
La "Piano Battle" di Andreas Kern e Paul Cibis inaugurerà l'evento che porterà concerti nelle abitazioni, nei musei e negli spazi urbani meno convenzionali
CONDIVIDI
29342
La "Piano Battle"
Cultura e Spettacolo
17 aprile 2019 di redazione (fonte Piano City Pordenone)

Dal 21 al 23 giugno Pordenone si vestirà di musica e di pianoforti con concerti nei luoghi deputati alle esibizioni così come in spazi più insoliti, nelle abitazioni private e in aree urbane condivi: nasce infatti Piano City Pordenone, manifestazione che approda anche in Friuli, organizzata dal Comitato Piano City Pordenone in collaborazione con il Comune di Pordenone, che prenderà avvio venerdì 21 con la sfida su due strumenti, la Piano Battle di Andreas Kern e Paul Cibis.

Il festival nasce da un’idea del pianista tedesco Andreas Kern: per tre giorni Pordenone parlerà la lingua del pianoforte attraverso un programma di appuntamenti che consentirà di esplorare lo strumento a ottantotto tasti nelle sue diverse declinazioni e sonorità. Artisti italiani e internazionali, musicisti ed enfant prodige e soprattutto pianoforti disseminati nel centro storico, saranno protagonisti di una manifestazione che proporrà un’invasione di note e musica, spaziando tra i diversi generi: classica, jazz ed elettronica. Dopo Berlino, Milano, Napoli, Palermo, Novi Sad, anche Pordenone entrerà così a far parte di una rete internazionale dedicata al pianoforte.

L'originalità del progetto sta non solo nel portare i concerti nei luoghi più caratteristici della città valorizzandone anche gli scorci più inaspettati, ma anche nell'idea di far incontrare la “domanda” dei pianisti che si candidano, con l’"offerta” delle case dei pordenonesi che decidono di aprire le porte alla musica, riprendendo il concetto classico della musica da camera e proiettandolo nella contemporaneità. Da ciò gli House Concert: le case diventano sale da concerto disposte ad accogliere artisti e pubblico di appassionati. I concerti nelle abitazioni si intrecceranno al programma dei City Concert, concerti negli angoli più insoliti di Pordenone, nei suoi palazzi, nelle sue piazze, nelle sale dei Musei e delle gallerie e negli spazi meno usuali in cui risuoneranno le note del pianoforte, trasformando la città in un palcoscenico diffuso.

Una delle novità specifiche dell'edizione di Pordenone, sono i Factory Concert: in una città di forte tradizione industriale la musica approderà anche nei luoghi dell’impresa o a vocazione industriale e commerciale. I dettagli degli appuntamenti sono ancora in corso di definizione e saranno resi noti a ridosso della manifestazione; sono in programma concerti con musicisti che arriveranno da tutta Italia e dall’estero, con allievi eccellenti e giovani talenti vincitori di concorsi e anche interpreti di grande rilievo del panorama italiano.

Piano City Pordenone è organizzato dal Comitato Piano City Pordenone, associazione presieduta da Luigi Rosso, e curato dai musicisti Lucia Grizzo, Bruno Cesselli e Gianni Della Libera; è realizzato con il Comune di Pordenone, e gode dei patrocini della Regione Fvg, dei Comuni di Pordenone, Porcia, San Vito, Sacile e Valvasone Arzene. Piano City Pordenone si avvale del sostegno della Fondazione Friuli, e del contributo delle tante realtà private e istituzionali. Ad aver sposato da subito il nuovo progetto musicale sono stati importanti istituzioni musicali e associative, ovvero i due conservatori regionali Conservatorio J. Tomadini di Udine e Conservatorio G. Tartini di Trieste, l’Accademia del Ridotto di Stradella (Pavia) e le manifestazioni “sorelle” Piano City Napoli e Piano City Novi Sad. Hanno aderito al partenariato le tre scuole secondarie di primo grado a indirizzo musicale della Destra Tagliamento degli Istituti comprensivi di Pordenone Torre, San Vito e Sacile; l’associazione Ruffo di Sacile, l’associazione Fadiesis, l’Ensemble Serenissima di Sacile, la scuola Salvador Gandino di Porcia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono accanto alla manifestazione, anche diverse realtà associative: l'Accademia Musicale Pordenone, Compagnia dell’anello, Gocne onlus e Asd. Ginnastica Zoppola.

Commenti (0)
Comment