Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grande festa il 27 e 28 aprile

Turismo
26 aprile 2019

Il paese delle meridiane

di Michele Tomaselli
Tutto è cambiato 700 anni fa, con l’avvento dell’orologio meccanico. Ma ancora oggi la luce solare indica con precisione le ore del giorno. E ad Aiello del Friuli lo sanno bene…
CONDIVIDI
29410
Banda Uanis, Complesso gnomonico Meridiana Universale (ph. Aurelio Pantanali)
Turismo
26 aprile 2019 di Michele Tomaselli Image

Domenica 28 aprile 2019 Aiello del Friuli ospiterà la diciannovesima Festa delle Meridiane, con un programma ricco di incontri, mostre, mercatini, esposizioni, giochi popolari e spettacoli. Dopo un lungo lavoro di ricerca, il Comune di Dael (in friulano, ndr), che per secoli fu controllato dagli Asburgo, assurgendo a salotto buono della Belle Epoque ma poi ridimensionato dall’annessione all’Italia, è rifiorito grazie a un’elegante iniziativa. Un progetto ideato per riportare in vita gli orologi solari coinvolgendo l’intera cittadinanza, diverse abitazioni e ben 65 artisti.

La meridiana (o orologio o quadrante solare) non è altro che uno strumento col quale si può misurare lo scorrere del tempo, tramite l’ombra generata dal sole, proveniente da un bastoncino, noto come gnomone. Esistono meridiane di diversa forma: orizzontale, verticale, equatoriale, a dittico, a elevazione, a riflessione. In un susseguirsi di creazioni e sperimentazioni, il loro innesto ha mutato scenari di vie e piazze, creando suggestivi e fecondi sodalizi tra l’architettura, la scultura e la pittura. Sono diversi i modelli dipinti o scolpiti sulle facciate delle case e che presentano motti dedicati al sole, al tempo e alla vita e che inoltre, grazie a particolari scritte in italiano, friulano, latino, greco e arabo, inducono l’osservatore alla riflessione filosofica. Un repertorio iconografico singolare, dalle svariate forme, unico e incomparabile: studiato peraltro su ogni singolo edificio.

Oggi, grazie al Circolo culturale Navarca e al suo presidente Aurelio Pantanali, Aiello ha conquistato la fama di “paese  delle meridiane”, un patrimonio gnomonico ricchissimo che annovera oltre 100 meridiane (circa una ogni venti abitanti), ma il numero è in continua crescita. Non esiste nessun luogo al mondo che presenta tanti orologi solari in uno spazio così contenuto.

La presenza è tale da poter organizzare dei veri e propri itinerari alla loro scoperta. Motivo per cui il paese viene idealmente diviso in sette zone. La zona 1, chiamata “Banda Crauì”, lungo le vie Marconi, Alfieri e Casa Bianca ne include 12; la zona 2, detta “La Vila”, vicino alla Chiesa, ne annovera 11, tra cui la particolare sfera armillare; la zona 3, soprannominata “Borc dai Fraris”, tra via Battisti e via dai Fraris ne registra 10; la zona 4, denominata “Pascut”, tra via Petrarca e via Alighieri ne contiene 33, di cui 20 inserite nel Museo della Civiltà Contadina del Friuli Imperiale; la zona 5, nominata “Moravissa”, ne accoglie 12, distribuite tra via Manzoni e via Cavour; la zona 6, denominata “Banda Uànis”, ne comprende 15 lungo via Cavalleria, tra cui il complesso gnomonico Meridiana Universale; infine la zona 7, detta “Uànis”, nella frazione di Joannis, ne custodisce 15.

Ma da dove nasce questa peculiarità? In realtà non è mai esistita una tradizione storica e tutto è nato, un po’ per caso, quando agli inizi degli anni Novanta i professori Franco e Carlo Bressan, grazie al coinvolgimento di alcuni studenti, realizzarono sul muro della scuola il primo quadrante solare (anche se in realtà il primato spetta al mulino Brandis o Sardon nell’800). Successivamente Carlo ne costruì altri: uno a Molin Novacco e l’altro sulla cantina Perini. Fino a giungere al 1993, quando Aurelio Pantanali, incuriosito e allo stesso tempo attratto dalle meridiane, decide di realizzarne una, sulla casa di famiglia, dovendola dipingere. A questo punto, dopo averla completata, la gente inizia a fermarlo, proponendogli di realizzarne anche delle altre sui muri di abitazioni private.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra le richieste pervenute anche quella di Andrea Bellavite (l’attuale sindaco) che gli commissiona una per la canonica. D’allora, grazie al Circolo culturale Narvarca, ai cittadini, a tanti artisti e gnomonici di tutta la regione, si è costituito un progetto artistico, sociale e culturale di ampio respiro, che ha trasformato Aiello nel “paese delle meridiane”.

Per dare continuità al piano di lavoro, nel 2001 è stata istituita la Festa delle Meridiane, che propone diverse iniziative, tra cui l’assegnazione del premio per la migliore nuova meridiana dell’anno. Un appuntamento immancabile per poter esplorare questo luogo del tempo.

Info: www.ilpaesedellemeridiane.com

Commenti (0)
Comment