Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Pubblicato il libro "Da Domani mi Muovo"

Società
22 maggio 2019

FVG, metà della popolazione si muove poco

di Livio Nonis
Il 41% della popolazione regionale è a rischio per l'eccessiva sedentarietà: due friulani decidono di promuovere in un libro la cultura del movimento. Con prefazione di Alberto Tomba
CONDIVIDI
29686
Società
22 maggio 2019 di Livio Nonis Image

È dei friulani Roberto Travan e Annalisa Dorbolò il secondo libro della storia narrata Da Domani mi Muovo. Con la prefazione del pluripremiato campione di sci, Alberto Tomba, i due esperti di salute e benessere rinnovano l’impegno divulgativo per una “cultura del movimento”.

Quasi metà della popolazione regionale sarebbe a rischio causa mancanza di moto, sovrappeso e obesità. Stessa sorte anche a livello nazionale con il 42,5% degli italiani “affezionati” al divano. Lo conferma una statistica del Centro Nazionale di Epidemiologia, tramite il portale Epicentro.

Il FVG si troverebbe a metà classifica a livello nazionale per numero di persone a rischio. In cima alla graduatoria Campania, Molise e Calabria.

La sedentarietà (correlata a uno scorretto stile di vita o all’incapacità di riprendere una determinata attività a seguito di un infortunio) aumenta il rischio di malattie cardiovascolari con pesantissi conseguenze per la salute mentale e psicologica.

Come poter quindi attivare la “voglia di movimento”. Come poter rieducare la mente e il corpo favorendo benessere e vitalità?

Da Domani mi Muovo è il secondo volume della narrazione dedicata al movimento dei friulani Roberto Travan e di Annalisa Dorbolò, e si rivolge a quei 23 milioni di persone che hanno rinunciato al movimento, a quel 41% e a tutti coloro che vogliono iniziare a cambiare il proprio stile di vita per una “cultura del movimento e della salute”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il romanzo è un invito a utilizzare il movimento come soluzione per riattivare le buone abitudini attraverso il personaggio di Alex, guarito da un lungo periodo di malattia e ora alle prese con il momento più difficile, il recupero, che diventerà un vero e proprio viaggio all’interno si sé stesso grazie a personaggi che diventeranno suoi maestri tra pratiche antiche e moderne che lui riorganizzerà in un metodo strutturato.

Muoversi, attivarsi, generare energia, utilizzare energia e riscoprirsi. È questo il messaggio del volume, una promessa di salute, come lo definisce il campione di sci Alberto Tomba, autore della prefazione, una guida romanzata alla salute, un inno alla vita e al benessere (fisico e mentale), ma soprattutto una storia che vuole essere una risposta e allo stesso tempo anche una provocazione.

Roberto Travan e Annalisa Dorbolò, trentennale esperienza nel mondo dello sport e del fitness, si raccontano in queste pagine, parzialmente autobiografiche in un intreccio di sensazioni e osservazioni di una quotidianità “in salute” troppo spesso data per scontata. Se poi si mette in mezzo anche una malattia, la prospettiva cambia, ruota, evolve e si viene costretti a cercare nuove soluzioni. Una malattia che non sempre e non per tutti è fisica, ma che si manifesta sul corpo con effetti incredibilmente negativi.

 “Questo progetto – afferma l’autore Roberto Travan –  nasce dalla volontà di divulgare il valore dell’esercizio fisico secondo una visione innovativa e molto diversa da quella conosciuta. È impossibile non amare il movimento dal momento che produce un rilascio di endorfine superiore del 500%. È chimica, natura. Il punto è comprendere cosa stia nel mezzo tra il divano e le scarpe da ginnastica, tra una scrivania e un tapis roulant. E questo libro indaga e racconta proprio questo aspetto”.

Commenti (0)
Comment