Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

On line il portale "Lenghis"

Cultura e Spettacolo
29 maggio 2019

Un sito internet per insegnare il friulano a scuola

di redazione (fonte ARLeF)
Presentato a Udine il nuovo strumento web elaborato a disposizione di insegnanti e studenti
CONDIVIDI
29846
Cultura e Spettacolo
29 maggio 2019 di redazione (fonte ARLeF)

Presentato a Udine il sito “Lenghis-Ladint (Laboratori didatic interatîf)”, nato dalla collaborazione fra “Claap - Centri di linguistiche aplicade Agnul Pitane” e ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane).

Il progetto, ideato e coordinato da Adriano Ceschia, mette a disposizione dell’insegnamento della lingua friulana uno strumento basato su una piattaforma digitale, flessibile dal punto di vista del suo utilizzo didattico ed economico, in quanto internet lo porta in ogni scuola e in ogni casa.

«Lenghis – spiega il presidente dell’ARLeF, Eros Cisilino – è uno strumento innovativo e interattivo pensato appositamente per la didattica plurilingue e in particolare per l’insegnamento della lingua friulana. Con questo progetto l’Agenzia, la Regione e l’Usr intendono fornire un ulteriore contributo alla domanda espressa dagli insegnanti di poter utilizzare strumenti didattici moderni, di facile diffusione e, caratteristica preziosa in questa fase, modulabili in base alle competenze sia degli allievi che degli insegnanti».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

«Il web – sottolinea Adriano Ceschia – consente alla lingua friulana di essere più "visibile" e  più "fruibile", specie nella sua forma scritta, e risponde alle esigenze, espresse in più occasioni, di valorizzazione del percorso di insegnamento scolastico del friulano. La possibilità di spaziare tra vocabolario, traduzione, ascolto, varianti locali, lingua comune e strumenti didattici servirà ad acquisire maggiore consapevolezza della lingua che si sta usando e fornirà un utilissimo spazio di relazione e approfondimento a studenti e insegnanti insieme a  coloro i quali avranno la curiosità di sperimentare un programma aperto, moderno e interessante per l’apprendimento di tutte le competenze linguistiche su ogni disciplina per ogni livello di percorso scolastico. Le lezioni che la piattaforma già contiene e sarà destinata a contenere mettono in stretta relazione didattica, una in funzione dell’altra, le lingue friulana, italiana e inglese. Ci si propone di costruire una biblioteca completa di sussidiari per tutto l’arco della scuola dell’obbligo. Con l’anno prossimo sarà coperto il primo ciclo della Scuola primaria».

«Si tratta – aggiunge Patrizia Pavatti, dirigente dell’Ufficio scolastico regionale – di uno strumento dalle grandi potenzialità e di rilevante utilità per gli insegnanti non solo di friulano, ma di tutte le lingue. Il modo migliore per non isolare la lingua friulana, ma inserirla in un contesto educativo plurilinguistico, con la possibilità di essere arricchito direttamente dagli insegnanti, con le loro esperienze».

Lenghis consiste in una Biblioteca digitale e in un Laboratorio di esercitazioni linguistiche per una o più lingue in mutuo rapporto, pensato in forma multimediale, con testi, immagini e voce. La Biblioteca può contenere testi di diverso genere e tipologia; può essere arricchita senza limiti e diffusa nella rete a disposizione di ogni utilizzatore come può anche essere personalizzata da un utente singolo. Il Laboratorio è un “generatore” di unità di attività o esercitazioni varie per ogni testo perciò inserito in una “lavagna” per le esercitazioni stesse.

Lenghis si utilizza nei laboratori informatici delle scuole o nelle singole aule mediante lavagna luminosa o videoproiettore. Lo strumento è pensato principalmente per l’insegnamento della lingua friulana, ma può essere utilizzato per ogni altra lingua e alfabeto: la lingua friulana può essere associata alla lingua italiana o ad altra lingua in modo che l’apprendimento di ognuna possa trarre vantaggio anche mediante l’apprendimento dell’altra. In particolare, la lingua friulana può essere trattata nella forma della koinè o lingua comune o nella forma di una delle sue varianti geografiche interne, poste a confronto.

Commenti (0)
Comment