Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Anticipazioni della nuova stagione

Cultura e Spettacolo
01 luglio 2019

Monfalcone, Peppe Servillo tra i protagonisti al Comunale

di redazione (fonte Teatro Monfalcone)
La North Czech Symphony Orchestra inaugurerà il cartellone musicale, mentre Angela Finocchiaro quello di prosa. Ecco i dettagli
CONDIVIDI
30243
Peppe Servillo & Solis String Quartet
Cultura e Spettacolo
01 luglio 2019 di redazione (fonte Teatro Monfalcone)

In via di definizione gli spettacoli della stagione 2019-2020 del Teatro comunale di Monfalcone, ma già escono le prime anticipazione. Sarà infatti la North Czech Symphony Orchestra ad aprire, mercoledì 23 ottobre, il cartellone dei concerti. Al suo fianco Leonardo Pierdomenico, fra i pianisti più interessanti della sua generazione, che dopo aver conquistato a soli 18 anni il Premio Venezia, si è imposto sul panorama internazionale vincendo nel 2017 il Concorso Van Cliburn. In programma due pagine di Dvořák, il Concerto op. 33 e la Suite Ceca op. 39, e la Sinfonia n. 38 “Praga” di Mozart, che racchiude e svela il Mozart grandissimo delle ultime tre Sinfonie.

Proseguono i progetti varati nel corso della stagione 2018-2019: “Effetto Mozart”, che prevede l’esecuzione di tutto il repertorio mozartiano per violino e orchestra, impreziosito dalle cadenze scritte per il progetto da Giovanni Sollima e affidato all’interpretazione dell’Orchestra di Padova e del Veneto e della violinista di origine armena Sonig Tchakerian; e “Tartini2020”, progetto celebrativo nazionale al quale il Teatro Comunale aderisce con il concerto che vede il violoncellista Mario Brunello capitanare un quartetto d’eccezione (insieme a lui Francesco Galligioni, Ivano Zanenghi e Roberto Loreggian).

Fra gli appuntamenti di “ControCanto”, la rassegna dedicata alla musica contemporanea e ai diversi generi, spicca il concerto che vede protagonisti Peppe Servillo e il Solis String Quartet, dal titolo Presentimento, al confine fra musica e teatralità, dedicato ai capolavori della canzone classica napoletana.

L’inaugurazione della stagione di prosa, i giorni 5 e 6 novembre, è affidata ad Angela Finocchiaro, protagonista dello spettacolo Ho perso il filo, che la vede mettersi in gioco con linguaggi espressivi mai affrontati prima (in scena, al suo fianco, sei danzatori) e rivivere, l’avventura di Teseo che combatte il Minotauro.

Fra i classici spicca Don Chisciotte, messo in scena da Alessio Boni, regista e interprete al fianco di Marcello Prayer e Serra Yilmaz, l’attrice turca resa nota al grande pubblico dai film di Ferzan Özpetek.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fra gli appuntamenti di “AltroTeatro”, la rassegna dedicata ai diversi linguaggi scenici, spicca Machine de cirque (in esclusiva regionale), performance dell’omonima compagnia del Quebec fondata nel 2013 da Vincent Dubé, artista di circo internazionale che ha radunato attorno al progetto giocolieri, acrobati e un percussionista, tutti talenti nati nell’ambito del Cirque du Soleil.

La campagna abbonamenti avrà inizio sabato 7 settembre.

Per quanto concerne la stagione appena conclusa, sono stati 28 i concerti in programma (in Teatro, al Duomo, alla Chiesa Marcelliana e alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea), 26 gli appuntamenti del cartellone di prosa, 17 le rappresentazioni dedicate ai bambini e alle scuole, 6 le matinée musicali per gli studenti del progetto didattico “Dentro la scena” e 39 gli incontri “Dietro le quinte”, che hanno anticipato tutte le serate in Teatro: un totale di 116 appuntamenti, che hanno chiamato a raccolta 15.000 spettatori. Sono aumentati, inoltre, rispetto alla stagione 2017-2018 sia gli abbonati (con un incremento del 4,6%) che le persone che hanno acquistato un biglietto (5,6% in più rispetto alla stagione precedente).

“Siamo sulla giusta strada: i risultati più che positivi della passata stagione – afferma l’assessore alla Cultura Luca Fasan – sono stati di stimolo per affrontare il cartellone 2019-2020 con ambizione ed entusiasmo. La consapevolezza dell’alto livello degli spettatori, l’indirizzo sulle nuove generazioni unitamente alla qualità della proposta erano, sono e saranno i principi di riferimento che, per questa Amministrazione, tracceranno il solco entro il quale stabilire le linee guida future per il Teatro Comunale di Monfalcone”. 

Commenti (0)
Comment