Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Tra le università con meno di 50 anni

Attualità
24 ottobre 2019

Ricerca, la SISSA prima in Italia

di redazione (fonte SISSA)
Secondo la classifica pubblicata da "Nature". La realtà triestina è settima in Europa e tra le prime 50 "Young Universities" al mondo
CONDIVIDI
31479
La Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste (© SISSA)
Attualità
24 ottobre 2019 di redazione (fonte SISSA)

La SISSA – Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati con sede a Trieste – prima in Italia, settima in Europa e tra le prime 50 "Young Universities" al mondo. Questi i risultati di un report appena pubblicato da Nature Index che fotografa il posizionamento delle prime 160 università al mondo con meno di 50 anni di storia.

L’istituto triestino emerge come una delle poche isole felici della ricerca italiana ed europea in una classifica che parla principalmente cinese. Nel settore della fisica, la Scuola è quattordicesima al mondo.

Nature Index è un database gestito da Springer Nature che fornisce una valutazione della produttività e delle collaborazioni degli istituti scientifici sulla base del numero di pubblicazioni (article count) e il contributo dei ricercatori delle singole università (fractional count) censite su un ampio numero di riviste internazionali di alta qualità.

“Il riconoscimento – afferma il direttore della SISSA, Stefano Ruffo – è il frutto del lavoro dei nostri ricercatori e delle nostre ricercatrici che tutti i giorni svolgono un’attività di altissimo livello riconosciuta dalla comunità internazionale. È la prima volta che una classifica di questo tipo riconosce anche il valore delle scuole come la nostra focalizzate sui dottorati di ricerca. È infine un risultato conseguito attraverso un processo autonomo da parte di Nature Index, in questo senso inatteso, e per questo ancora più significativo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il report completo è disponibile online su https://www.nature.com/collections/ccghbdhhii

Commenti (0)
Comment