Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Exploit al concorso Mastro Panettone

Società
04 dicembre 2019

Il panettone goriziano tra i migliori d'Italia

di redazione (fonte L'Oca Golosa)
Il dolce realizzato da "L'Oca Golosa" conquista il podio alla rassegna nazionale, conquistando la giuria presieduta da Luigi Biasetto
CONDIVIDI
31893
Feedrico De Luca, a destra, assieme a Luigi Biasetto
Società
04 dicembre 2019 di redazione (fonte L'Oca Golosa)

Uno dei tre panettoni artigianali tradizionali più buoni in Italia è goriziano. Parola di “Mastro Panettone”, il concorso organizzato dal portale Goloasi.it, che riunisce maestri pasticceri provenienti da tutta la penisola per individuare il panettone artigianale più succulento dell’anno.

La passione e la dedizione con cui lavorano i pasticceri de “L’Oca Golosa” di Gorizia sono stati riconosciuti con l’assegnazione del terzo posto nella competizione svoltasi a Bari. A sancirlo una qualificata giuria, presieduta da un nome prestigioso, ovvero da Luigi Biasetto, maestro pasticcere, campione del Mondo nel 1997 grazie alla creazione della famosa Setteveli, formatore e creativo nel campo della pasticceria oltre che volto noto della tv.

Un premio che rende merito alla professionalità e all’impegno con cui Valentina De Luca e il fratello Federico, che insieme a Francesco Pizzigallo hanno dato vita alla pasticceria goriziana di corso Italia, si sono applicati per realizzare un panettone di alta qualità, rigorosamente rispettoso del severo disciplinare esistente, con ingredienti a chilometri zero, oltre che con lievito madre, uova fresche, burro italiano, scorza di arance di Sicilia, vaniglia in bacca, uvetta sultanina e canditi, senza quindi semi lavorati, aroma chimici e conservanti.

“Abbiamo perfezionato la nostra ricetta prestando maggiore attenzione alle varie fasi di preparazione e alla coniugazione dei vari ingredienti. Preparare un panettone non significa solo assemblare tra loro degli ingredienti”, racconta Valentina, riferendosi al lungo processo di studio portato avanti dallo scorso anno, ovvero dalla prima partecipazione al concorso “Mastro Panettone”. “Il mondo dei “grandi lievitati”, come il panettone, è particolare e richiede un’accurata preparazione. Dopo aver studiato, provando e riprovando ho ottenuto quello che volevo”.

Un impegno che ha dato i suoi frutti, considerando che lo stesso panettone artigianale che ha conquistato il terzo gradino del podio a Bari è arrivato anche in finale a Roma nella competizione su scala mondiale.

Commenti (0)
Comment