Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Coinvolti Università e aziende

Attualità
18 febbraio 2020

Scienza e cultura del cibo, da Udine un nuovo progetto

di redazione (fonte Università di Udine)
Tre imprese del settore saranno partner del corso di laurea che mira a formare professionisti nella promozione e nella valorizzazione del sistema alimentare
CONDIVIDI
32930
Foto di gruppo con tutti i partner del progetto
Attualità
18 febbraio 2020 di redazione (fonte Università di Udine)

L’Università di Udine vara un nuovo modello di collaborazione con le imprese e lo fa con uno dei suoi corsi più nuovi, la laurea triennale in Scienza e Cultura del Cibo, che da oggi può avvalersi del sostegno di tre aziende del settore. Sono Aspiag, concessionaria Despar per il Triveneto ed Emilia Romagna, Illiria di Udine ed Eurobevande di Pordenone le prime imprese selezionate tramite un bando messo a punto dall’Ateneo e che ufficializzano oggi la collaborazione con l’Università su più fronti, relativi alla didattica, alla ricerca, alla comunicazione e ai servizi di accompagnamento.

È la prima volta che un percorso accademico potrà contare su un supporto aziendale di questo genere. Le opportunità di collaborazione proposte alle aziende sono due: partner e main partner. Le aziende main partner sono Despar (Aspiag Service) e Gruppo Illiria, mentre l’azienda partner è Eurobevande. L’obiettivo della partnership è quello di avvicinare imprese e Università, creando una vera e propria community “think food”. Dalle testimonianze aziendali alle tesi di laurea su temi concordati, dai laboratori didattici su argomenti segnalati dalle imprese alle visite aziendali, dai servizi personalizzati di reclutamento ai focus group, numerosi sono i settori in cui l’Università concretizzerà la collaborazione con le tre imprese.

Durante il primo incontro di presentazione tra l’università e le tre aziende selezionate, che si è svolto a palazzo Florio a Udine, il rettore Roberto Pinton ha rimarcato “la volontà di realizzare rapporti sempre più solidi con il tessuto socio-economico e la disponibilità a intraprendere percorsi di collaborazione con formule innovative. Non si tratta dunque soltanto di una sponsorizzazione fine a sé stessa – ha detto –, ma dell’avvio di un nuovo modo di sviluppare collaborazioni per un progetto didattico, che potrà essere adottato in futuro anche da altri corsi di laurea”.

Il corso infatti coinvolge direttamente le aziende attraverso la formula della sponsorizzazione, ma non solo. Accanto ad attori istituzionali, quali in particolare la Fondazione Friuli - principale sostenitore del corso, che fin dall’inizio ha creduto nell’importanza di questo percorso - patrocinano l’iniziativa numerose organizzazioni attive nel campo della comunicazione, promozione e valorizzazione del complesso e variegato mondo del cibo. Queste collaborazioni rappresentano una grande opportunità per gli studenti che potranno in questo modo vivere esperienze formative calate nella realtà del territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Sostenere il corso di laurea in Scienza e cultura del cibo costituisce un’evoluzione del nostro legame impresa-università, teso ad attivare una circolarità delle conoscenze, in un autentico sistema di rete" ha sottolineato Mario Toniutti, direttore generale del Gruppo Illiria.

“Eurobevande è da sempre convinta che ogni azienda della filiera debba sentirsi responsabile del successo di enogastronomia e ristorazione del Friuli Venezia Giulia, siamo orgogliosi della partnership” ha evidenziato Massimiliano Casini, responsabile marketing Eurobevande S.r.l.

“Abbiamo scelto di sostenere questo corso di laurea - ha dichiarato Fabrizio Cicero Santalena, Coordinatore Despar per il Friuli Venezia Giulia - perché verifichiamo ogni giorno sul campo quanto sia importante nella fase di recruiting avere la possibilità di incontrare persone adeguatamente formate. Il mondo del food e della grande distribuzione ha bisogno di un percorso didattico ad hoc, e l'Università di Udine è stata lungimirante ed estremamente attiva nel disegnare un corso specifico e di qualità. Aspiag Service è una delle aziende che nel Triveneto ed Emilia Romagna sta continuando ad assumere personale: questo percorso condiviso migliorerà il mercato e potrà potenziare la ricerca e la divulgazione scientifica nel nostro campo”.

Per le aziende che volessero entrare a far parte della partnership di Scienze e Cultura del Cibo c’è ancora tempo: alle tre imprese già selezionate, infatti, potranno aggiungersene altre, visto che il nuovo bando è stato riaperto con scadenza 29/2. Per info: tel 0432 556394

Il corso di laurea forma professionisti nella promozione e nella valorizzazione del sistema alimentare, coniugando e integrando competenze negli ambiti tecnico-scientifico, economico-gestionale, giuridico, delle scienze umane, sociali e della comunicazione. Lo spiccato carattere interdisciplinare contribuisce alla creazione di un bagaglio culturale indispensabile per cogliere i segnali di cambiamento rispetto alla tradizione e tradurli in azioni innovative. Per il settore enogastronomico si tratta di una nuova figura, capace di creare ponti tra le tradizioni culinarie, regionali nazionali ma anche quelle di oltreconfine, e l’enogastronomia del futuro. Con una visione unitaria del prodotto alimentare di qualità, il laureato in Scienza e cultura del cibo svilupperà abilità in settori diversi e complementari, svolgendo attività di pianificazione, coordinamento, gestione e divulgazione. Il Corso si caratterizza per una didattica innovativa tesa a promuovere il trasferimento delle conoscenze teoriche sul piano applicativo e orientata a favorire interazioni tra studente e realtà imprenditoriali, attraverso laboratori, seminari, stage, tirocini e visite di studio.

Commenti (0)
Comment