Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

L'annuncio dell'assessore Riccardo Riccardi

Attualità
02 aprile 2020

Coronavirus, attivati in FVG servizi di assistenza psicologica

di redazione (fonte Regione FVG)
Rivolti agli operatori, alle persone ammalate o a cittadini che si trovano in situazione di isolamento sociale
CONDIVIDI
33456
Riccardo Riccardi (ph. Regione FVG)
Attualità
02 aprile 2020 di redazione (fonte Regione FVG)

"Abbiamo avviato sul territorio una serie di importanti servizi di assistenza psicologica, rivolti agli operatori, alle persone ammalate e anche a semplici cittadini che si trovano, magari in una condizione di solitudine, ad affrontare questo periodo di isolamento sociale": lo ha affermato il vicegovernatore con delega alla Salute e alla Protezione del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, spiegando con quali progetti l'Amministrazione regionale e le tre Aziende si siano organizzate sul territorio.

Nell'Area Giuliano Isontina è attiva una rete di 50 psicologi-psicoterapeuti, strutturati in due gruppi di lavoro che provvedono a soddisfare le eventuali richieste di aiuto provenienti dal personale sanitario e dalle fasce di popolazione più colpite. Per quel che riguarda gli operatori del Ssr è stato attivato un numero interno ed un indirizzo e-mail, per essere poi prontamente richiamati da uno degli psicologi in pronta disponibilità dedicati a questo Servizio. Lo scopo è quello di dare una risposta immediata, pronta, che prevenga uno stato di stress che può tendere alla cronicizzazione.

Il personale sanitario che si rivolgerà al Servizio di supporto psicologico avrà poi la possibilità, se richiesto, di continuare ad essere seguita per tutta la durata dell'emergenza, con modalità che prevedono anche l'utilizzo, oltre che del colloquio telefonico, della videochiamata, ampliando la portata ed efficacia dell'intervento. Per la popolazione è stato invece attivato un numero verde. Anche in questo caso al numero risponde un pool di psicologi. Il servizio è rivolto alle persone che sono state colpite dal Covid-19 e chi si trova in quarantena, e quindi in isolamento. Anche i familiari delle persone colpite o che sono in isolamento possono chiamare. Il numero (800.30.10.30) non va chiamato per emergenze sanitarie, o per consigli di natura medica.

Per quel che riguarda il Friuli Centrale, l' Azienda Sanitaria Universitaria (Asufc) ha attivato la disponibilità per colloqui telefonici rivolti agli operatori sanitari: l'obiettivo principale è dare una prima risposta al possibile stress correlato dalle condizioni emotive e lavorative inerenti lo stato di emergenza. Gli operatori che fungono da riferimento avranno cura di raccogliere le richieste, dare una prima risposta ed eventualmente smistare le richieste ad altri colleghi disponibili. Nell'area Intranet aziendale, alla voce Notizie, tutti i dipendenti di Asufc interessati possono trovare i riferimenti e i contatti, suddivisi per area e struttura di riferimento.

Sul fronte dell'Azienda Sanitaria Friuli Occidentale, parte nei prossimi giorni il progetto "COndiVIDiamo", punto di ascolto psicologico, mirato a sostenere gli operatori sociosanitari dell'Asfo e il gruppo delle persone Covid positive e in quarantena a domicilio. La scelta di indirizzare, selettivamente, il progetto a queste due fasce di popolazione è derivata dalla constatazione che gli operatori sociosanitari e le persone affette da coronavirus, in quarantena domiciliare, sono sottoposti a condizione di forte stress, anche se di diverso tipo, dal quale possono derivarne condizioni di disadattamento/malattia. Tra gli strumenti, un sistema di supporto telefonico con numero dedicato e una email dedicata. Saranno a disposizione 4 psicologi in turnazione per assicurare la continuità del servizio.

Infine, l'Associazione di Protezione civile Psicologi per i Popoli del Friuli Venezia Giulia fornisce un'attività di supporto alla Sala operativa regionale a il numero unico emergenza della Protezione civile. In questo caso i professionisti volontari garantiscono una copertura di due turni giornalieri per tre volte alla settimana. Il servizio è rivolto alla popolazione, con particolare riferimento alle persone sole, con crisi d'ansia, senso di costrizione, paura del contagio o timorose per la salute dei propri cari. 

Commenti (0)
Comment