Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Emergenza Coronavirus

Attualità
03 aprile 2020

CrediFriuli dona 100 mila euro per l’Azienda sanitaria del Friuli Centrale

di redazione (fonte CrediFriuli)
Destinati per attrezzature, ma anche per l’impegno straordinario del personale
CONDIVIDI
33469
Da sinistra Braganti e Sartoretti
Attualità
03 aprile 2020 di redazione (fonte CrediFriuli)

Il Consiglio di Amministrazione di CrediFriuli, in rappresentanza dei suoi oltre 10 mila soci, ha deciso di donare 100 mila euro a favore dell’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale (AsuFC), per contribuire alla gestione e al contrasto della pandemia del Covid19.

La somma è già stata erogata e sarà destinata all’acquisto di beni e servizi funzionali a meglio fronteggiare la situazione emergenziale ma anche, a discrezione dell’Azienda sanitaria, a riconoscimenti per l’impegno profuso dal personale nelle attività lavorative.

«In questo momento – afferma il presidente di CrediFriuli, Luciano Sartoretti – ci sentiamo particolarmente vicini a coloro che stanno soffrendo e alle persone, professionisti e volontari, che si stanno prodigando per le loro cure, verso le quali esprimiamo gratitudine e solidarietà.   Abbiamo deciso di schierarci al fianco della Sanità pubblica che opera negli stessi territori dove vivono i nostri soci e tanti nostri collaboratori. Il tutto nella consueta logica mutualistica e di valorizzazione delle risorse generate dalle nostre comunità, confermando che la connotazione distintiva del nostro modo di fare banca è quello di essere loro vicini con fatti concreti e, soprattutto, quando conta».

«Solo con la collaborazione e l’aiuto di tanti – commenta il direttore generale dell’Azienda Sanitaria, Massimo Braganti – riusciremo a superare questo difficilissimo momento e gesti di solidarietà come quello di CrediFriuli ci consentono di guardare al futuro con maggior fiducia. Ringraziamo pertanto i soci della banca che si sono dimostrati così sensibili e ci consentiranno di migliorare ulteriormente le condizioni del servizio sanitario fornito ai friulani».

Commenti (0)
Comment