Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Anticipazione dell'assessore Benvenuto

Cultura e Spettacolo
11 maggio 2020

Ronchi sottoscrive il "Patto per la lettura"

di Livio Nonis
"La riteniamo una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta"
CONDIVIDI
34024
(ph. pixabay.com)
Cultura e Spettacolo
11 maggio 2020 di Livio Nonis Image

Ronchi dei Legionari redigerà e sottoscriverà un Patto per la lettura. Ad anticiparlo è l’assessore comunale alla cultura, Mauro Benvenuto.

“Vuole essere – precisa – uno strumento di promozione del libro e della lettura, con la condivisione di istituzioni pubbliche e soggetti privati del territorio, che individuano nella lettura una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta. L’obiettivo è quello di incentivare in modo continuativo, trasversale e strutturato la lettura e la conoscenza in tutte le loro forme”.

Dal 2017 al Comune è stata assegnata la qualifica di “Città che legge” per mano del Centro per il libro e la lettura (Cepell), un istituto autonomo che fa parte del Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo.

“I risultati significativi del nostro sistema bibliotecario, con alti standard qualitativi e alto gradimento dei cittadini – sottolinea Benvenuto – passano anche attraverso questi progetti che rendono la pratica della lettura un’abitudine sociale diffusa, con particolare attenzione alle famiglie, ai giovanissimi, alle fasce deboli della popolazione. Ci prefiggiamo di avvicinare alla lettura chi non legge, rafforzando le pratiche di lettura a chi non piace leggere, e consolidando i lettori appassionati coinvolgendoli come protagonisti in iniziative ma anche con stimoli specifici di interesse”.

Al progetto potranno aderire enti pubblici e privati, istituti scolastici, associazioni e gruppi informali che, coordinati dalla amministrazione comunale, parteciperanno a progetti di promozione della lettura con azioni ordinarie e sistematiche. I sottoscrittori al patto per la lettura si impegneranno a contribuire con le proprie idee, risorse, spazi e competenze secondo le proprie possibilità.

Commenti (0)
Comment