Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Previste nuove procedure igieniche di sanificazione

Attualità
18 maggio 2020

Semafori e sistemi a fotocellule, riapre il Palmanova Outlet Village

di Claudio Pizzin
Il centro commerciale all'aperto introduce sistemi innovativi anti affollamento. Installati totem dispenser no-touch per la distribuzione di liquido igienizzante
CONDIVIDI
34099
L'interno del Palmanova Outlet Village
Attualità
18 maggio 2020 di Claudio Pizzin Image
pov

Palmanova Outlet Village riapre le porte dei negozi di abbigliamento, cura della persona, casa e ristorazione secondo una nuova e differente “normalità”.

“Obiettivo prioritario del Palmanova Outlet Village – rende noto la Land of Fashion attraverso un comunicato – è sempre quello di proteggere la salute e la sicurezza dei clienti e dei dipendenti adottando nuove ed ulteriori procedure igieniche di sanificazione nei negozi, lungo le vie del Village e degli spazi comuni”.

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 ha ridisegnato le regole della socialità e di conseguenza anche i luoghi di acquisto: Palmanova Outlet Village, così come tutti i Village del gruppo Land of Fashion, è pronto ad accogliere i clienti con un nuovo protocollo di sicurezza per clienti e lavoratori.

È stato predisposto un ulteriore rafforzamento del presidio di vigilanza e nuovi dispositivi per il controllo dei flussi di accesso nel rispetto della distanza minima di sicurezza.

In prossimità degli ingressi dei negozi è stata esposta un’apposita segnaletica a terra che aiuti visivamente a rispettare la coda, la distanza dagli altri visitatori e che consentirà al personale dei punti vendita di gestire correttamente gli afflussi.

I totem dispenser no-touch per la distribuzione di liquido igienizzante sono collocati agli ingressi del Village, all’ufficio informazioni, in prossimità del bancomat ATM e all’ingresso dei bagni il cui accesso viene contingentato e regolamentato attraverso veri e propri semafori e sistemi a fotocellule per impedire il sovraffollamento.

A tutti i dipendenti del Village inoltre verrà donato un kit di protezione personalizzato Land of Fashion e all’interno del villaggio saranno disponibili alcuni presidi di auto-sanificazione come salviette monouso e dispenser igienizzanti con soluzioni idroalcoliche.

Una campagna di comunicazione personalizzerà il Village e accompagnerà il visitatore durante la sua esperienza di shopping: l’intero flusso di presenze e gli ingressi alle boutique saranno quindi accompagnati da una segnaletica dedicata.

Continua anche la volontà da parte del gruppo di essere al fianco di alcune realtà territoriali con un’iniziativa specifica di raccolta fondi, in continuità con la donazione da 100.000 euro già erogata a supporto dell’Ospedale di Mantova e della Fondazione Spedali Civili di Brescia.

È stata infatti predisposta la vendita a fini benefici di mascherine riutilizzabili personalizzate dal design esclusivo per uomo e per donna. Gli articoli verranno distribuiti gratuitamente anche agli staff degli store e, per ciascuna mascherina venduta, una parte del ricavato verrà donato in beneficenza alla Protezione Civile gruppo di Palmanova e alla Protezione Civile gruppo di Aiello del Friuli.

«Riapriamo i negozi per i nostri visitatori, per tutti i dipendenti e i brand nel rispetto di tutte le norme di sicurezza – dichiara Volker Stinnes, Amministratore Delegato del Gruppo Land of Fashion –. Si tratta di una ripartenza a doppio significato. Vogliamo accompagnare il nostro pubblico nel ricostruire una nuova quotidianità da vivere in totale sicurezza e al tempo stesso intendiamo trasmettere un messaggio forte e chiaro verso i territori che ci ospitano. Dobbiamo ripartire per garantire quell’indotto fondamentale per lo sviluppo socio-economico delle nostre aree di riferimento. In piena emergenza con Franciacorta e Mantova ci siamo messi al fianco di tutti gli attori impegnati in prima linea nell'emergenza sanitaria Covid-19, adesso dobbiamo affiancare le economie dei nostri territori».

Commenti (0)
Comment