Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grazie all'iniziativa “SibDev”

Attualità
26 maggio 2020

Pordenone, assegnati 60 mila euro in favore degli anziani

a cura della redazione
Nell’ambito del programma europeo URBACT verrà realizzato un progetto pilota di finanza a impatto sociale in favore della terza età
CONDIVIDI
34238
(ph. Mabel Amber da Pixabay)
Attualità
26 maggio 2020 della redazione

Ammonta a 60.000 euro il budget assegnato al Comune di Pordenone per il progetto “SibDev”, nell’ambito del programma europeo URBACT, che ha l’obiettivo di favorire gli scambi tra città europee per migliorare la pianificazione urbana, sociale ed economica.

L’obiettivo è quello di realizzare un progetto pilota di finanza a impatto sociale nell’ambito dei servizi legati alle residenze sociali per anziani, in partenariato con le città europee di Aarus (Danimarca), Fundao (Portogallo), Saragozza (Spagna), Baia Mare (Romania), Kecskemét (Ungheria), Voru (Estonia). 

“Dopo Alpsib – commenta l’assessora alle politiche europee, Guglielmina Cucci – ecco un altro colpo messo a segno dagli uffici alle politiche europee, che vede Pordenone tra le città partecipanti con la maggior esperienza in progetti di finanza a impatto sociale. Le priorità scelte dalle città partecipanti sono anziani e giovani disoccupati, intercettando pienamente la necessità di adeguare e ripensare le progettualità in riferimento a un momento particolare come quello che stiamo vivendo. Per questo motivo abbiamo deciso di lavorare su un progetto di housing rivolto agli anziani, una categoria che ha mostrato tutta la sua fragilità nel momento drammatico che abbiamo vissuto. Una categoria dunque che va oggi ancor più protetta e tutelata, senza dimenticare, accanto alla logistica e alla salute, l'aspetto delle relazioni sociali e affettive”. 

Il progetto SibDev ha già concluso una sua prima fase di analisi del contesto e individuazione dei bisogni ed è ora tempo di lavorare in modo partecipato con tutti i soggetti che sono stati coinvolti nel Gruppo locale Urbact (ULG) quali partecipanti all’osservatorio anziani, anche in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche sociali.

“L’intenzione – spiega Cucci – è quella di estendere la partecipazione anche ad associazioni di volontariato in cui operano i giovani per favorire, anche in un’ottica di lungimiranza, forme collaborative di scambio generazionale”. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli incontri verranno organizzati non appena la situazione lo consentirà, nel frattempo è possibile consultare il materiale online disponibile sui siti web del Comune di Pordenone e del programma Urbact.

Commenti (0)
Comment