Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Approvato il Bilancio di previsione 2020

Attualità
01 giugno 2020

Palmanova, 20 milioni di euro in opere pubbliche

a cura della redazione
Destinati 170.000 euro per aiutare famiglie e imprese post Covid. Dal sottopasso di San Marco al completamento di Palazzo Trevisan: ecco tutti gli interventi in programma
CONDIVIDI
34320
Palmanova, acquedotto veneziano fuori di Porta Udine (ph. Comune di Palmanova)
Attualità
01 giugno 2020 della redazione

Approvato bilancio di previsione 2020 che vede il Comune di Palmanova pronto a realizzare opere per 20 milioni di euro, da qui ai prossimi anni, e stanzia da subito 170.000 euro per aiutare famiglie e imprese per superare l’attuale momento di crisi originato dalla crisi economica conseguente al Covid-19.

Il documento contabile è stato approvato dall’ultima seduta del Consiglio comunale, con voto favorevole da parte della maggioranza e astensione della minoranza. All’unanimità è stata approvata la variazione di bilancio che prevede aiuti per la Fase 2.

I fondi destinati all’emergenza saranno suddivisi tra famiglie (50.000 euro per l’organizzazione dei centri estivi e per l’abbattimento delle bollette per i meno abbienti) e attività economiche120.000 euro per la diminuzione della TOSAP, tassa rifiuti (per 70.000 euro), della COSAP, occupazione suolo pubblico (per 40.000 euro) e degli affitti su immobili di proprietà comunale (per 10.000 euro).

“Abbiamo dovuto modificare profondamente il bilancio, dirottando risorse importanti verso questi aiuti. Sostenere le famiglie e supportare imprese e attività economica per rilanciare l’economia locale e superare questa crisi economica e sociale”, afferma il sindaco Francesco Martines

Per le opere pubbliche, una parte dei finanziamenti deriva da fondi regionali e comunali (12 milioni di euro) e una parte dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo (circa 8 milioni di euro). Il Piano triennale delle opere pubbliche è stato approvato con i voti della maggioranza consigliare e con l’astensione dell’opposizione.

Sono ultimati i lavori di restauro del tetto della ex Caserma Filzi e quelli sul tetto di Porta Aquileia. In fase di lavorazione la riqualificazione impiantistica all’ex caserma Montesanto, il restauro dell’ex Polveriera Foscarini, l’adeguamento normativo e funzionale dei locali di servizio e della palestra nel centro polisportivo “Dino Bruseschi”, i lavori di efficientamento energetico e miglioramento sismico della Scuola Elementare, la ristrutturazione dei marciapiedi di Borgo Aquileia.

Sono già stati aggiudicati i lavori di realizzazione del sottopasso di San Marco sulla linea ferroviaria Udine-Palmanova e la realizzazione infrastrutture della nuova stazione delle corriere nell’ex caserma Ederle. Nel corso di quest’anno verranno appaltati i lavori di completamento di Palazzo Trevisan - Museo Storico, la realizzazione dei marciapiedi in via Caterina Percoto, un primo lotto di ampliamento della biblioteca comunale, il Piano di sviluppo del cicloturismo sul territorio Agro Aquileiese e la manutenzione straordinaria delle strade comunali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono in fase di progettazione gli accessi pedonali e ciclabili su Porta Aquileia e Bastione Foscarini, il restauro dell’ex Caserma Piave, il completamento del museo della Resistenza del Friuli Venezia Giulia e quello di Palazzo Trevisan - Museo Storico.

Grazie ai 12 milioni di euro provenienti dal Ministero sarà possibile intervenire sulla torre piezometrica, facendola diventare un osservatorio panoramico, sulla loggia e sortita di Baluardo Donato, sul completamento del restauro delle gallerie del Rivellino 2r e sull’illuminazione dell’anello basso del fossato. È anche previsto il restauro di Porta Udine e di Porta Cividale, della loggia e sortita di Bastione Del Monte, della Lunetta di Baluardo Donato e del consolidamento della Lunetta di Baluardo Barbaro.

Commenti (0)
Comment