Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Raccolti in pochi giorni tremila euro

Attualità
23 settembre 2020

Serve bici a pedalata assistita: gara di solidarietà per un bambino

di Livio Nonis
Dalla richiesta di una famiglia di Mereto di Tomba, risposta generosa e immediata di associazioni di Monfalcone e della bassa friulana
CONDIVIDI
36170
Il momento della consegna della bicicletta a pedalata assistita
Attualità
23 settembre 2020 di Livio Nonis Image

Da Mereto di Tomba una storia di solidarietà e generosità. Tutto è nato dalla necessità della famiglia di Samuele, bambino di 7 anni, che aveva bisogno di una bicicletta assistita per poter essere portato dai genitori un po' a spasso tra le colline pedemontane del suo territorio.

Samuele infatti soffre di una rara patologia, e deve sempre essere assistito e sorvegliato. L'Universo Giovani di Udine, saputo di questo problema, ha lanciato un invito tra le varie associazioni di volontariato che si impegnano ad aiutare le persone per l'acquisto di oggetti (in questo caso una bicicletta) per chi ne ha bisogno; un messaggio recepito a Monfalcone dall'associazione “Settembre inVita”, dall'Associazione Carabinieri,  dall'I.P.A. (International Police Association)  nelle sezioni di Monfalcone e nella Bassa Friulana, a Villa Vicentina, con l'associazione “Amici di Federico”.

Diffuso un breve annuncio tra i soci e i sostenitori, sono stati raccolti a tempo di record i quasi 3.000 euro necessari per acquistare il mezzo di trasporto.

In questi giorni è arrivato anche il momento della consegna: in un bel prato di Mereto di Tomba, Samuele ha accolto gli ospiti abbracciandoli tutti affettuosamente, uno ad uno. Oltre ai rappresentanti delle varie associazioni, c'era il vicesindaco Paola Fabello e altri rappresentanti della giunta comunale.

Ora Samuele potrà scorrazzare liberamente assieme ai suoi genitori nelle strade del suo paese, e con un po' di più allenamento di mamma e papà spingersi ancora più lontano.

Commenti (0)
Comment