Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nel campionato under 12

Sport
19 ottobre 2020

Baseball, Staranzano cala il tris tricolore

di Livio Nonis
Impresa dei Ducks che, in rimonta, si confermano campioni d'Italia per il terzo anno consecutivo
CONDIVIDI
36564
Sport
19 ottobre 2020 di Livio Nonis Image

Campioni d'Italia, Campioni d'Italia, Campioni d'Italia (copiando una celebre frase del 1982).

Gli Staranzano Ducks Rossi per la terza volta consecutiva sono campioni nazionali nella categoria Under 12. A San Bonifacio (VR) la squadra del manager Paolo Santin ha vinto la finale contro il Torre Pedrera Falcons di Rimini: dopo 6 inning mozzafiato, tutto si è concluso all'ultimo respiro con un turno d'attacco che merita proprio essere raccontato.

Siamo quasi all'epilogo della gara, i Ducks sono sotto nel punteggio 1 a 0, punto arrivato al terzo inning grazie a una valida e un conseguente errore; si arriva al momento decisivo, la mazze bianco-rosse bisiache, fino a quel momento un po' in ombra, cominciano a funzionare a dovere: Massimiliano Serra inizia con una valida sull'interbase, seguito a ruota da una battuta doppia di Paolo Cacioppo. I Falcons decidono di dare la base intenzionale a Marco Rizzo, perciò con “zero” out tutte le basi sono piene: momenti di grandissima tensione e suspense.

Va in battuta Andrey Todorov, arriva in prima base, ma per scelta difesa arriva anche il primo out in casa base. È la volta di Thomas Cechet che con una battuta valida pareggia i conti, si è sull’1 a 1 e le basi sono ancora “piene”. In battuta è il turno di Vincenzo Capitanini, questa volta l'impatto della palla sulla mazza è devastante, la palla arriva nei pressi dell'esterno centro, le basi si svuotano repentinamente, i corridori sembrano avere le ali ai piedi, Vincenzo porta a casa tre punti, ora il sorpasso è avvenuto: 4 a 1.

Il Rimini cerca la riscossa ma totalizza solo un punto e nel momento in cui Massimiliano Serra raccoglie la palla e con molta calma assiste in prima base Paolo Cacioppo chiudendo l'incontro, è l'apoteosi, i Ducks conquistano il titolo italiano.

Un campionato maiuscolo senza neppure una sconfitta, una squadra nuova per sette/noni (7/9) rispetto allo scorso anno dimostra l'efficacia della politica della società, guidata da Igor Felluga, nell'investire sui giovani e soprattutto su allenatori capaci, preparati, oltre Santin anche Denis Malusà (tre titoli italiani vinti) e Claudio Bison (due titoli italiani vinti), senza dimenticare la dirigente accompagnatore “sempre presente” Valeria Sangalli che ha avuto il compito di disbrigare la burocrazia con documenti e cartellini con la preziosa collaborazione di Gianfranco Zambon.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato sera a Staranzano all'arrivo da San Bonifacio, c'è stato un simpatico corteo di automobili con bandiere che sventolavano e clacson che suonavano, per annunciare a tutti gli staranzanesi il grande risultato maturato poche ore prima. E poi sul diamante di casa sono partiti i festeggiamenti che si sono protratti fino a notte fonda, e qualcuno è rimasto anche senza voce. Interpellato il sindaco di Staranzano, Riccardo Marchesan, entusiasta di questo ennesimo trionfo ha commentato: “Giganti. Orgoglio dell'intera comunità. Gestione fantastica. Non ci sono aggettivi adatti per magnificare le loro imprese”.

Commenti (0)
Comment