Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Eurotech crea MaskLip

Società
19 ottobre 2020

Dal Friuli lo strumento per indossare bene la mascherina

a cura della redazione
Realizzato dall'azienda di Amaro, è dotato di sensori che segnalano il corretto posizionamento e quando bisogna sostituirla
CONDIVIDI
36582
La maschera con MaskLip
Società
19 ottobre 2020 della redazione

Si chiama MaskLip il nuovo dispositivo realizzato dal Centro ricerche di Eurotech, giunto oggi al termine della sua fase progettuale.

Si tratta di un piccolo strumento simile per dimensioni e fattura a un fermacravatta. Ricco di sensori, dotato di intelligenza artificiale e in grado di capire come viene utilizzata la mascherina, principale mezzo di contrasto alla trasmissione del Covid19. 

Il sistema applicato sulla mascherina riesce a fornire numerose informazioni relative al suo utilizzo: ma soprattutto indica se la mascherina viene indossata in modo corretto oppure no. Si assiste infatti di frequente al fatto che la mascherina non venga posizionata su naso e bocca, ma tenuta abbassata o addirittura portata al braccio o al polso. Inoltre, fornisce indicazioni su quando sia necessario cambiare la mascherina. 

MaskLip monitora l'utilizzo della mascherina. Una notevole quantità di raffinati sensori è presente sul device.

Sono altri i prodotti creati da Eurotech in epoca di pandemia. Non ultimo: il portale munito di contapersone, controllo della temperatura e di un dispositivo che riconosce se il soggetto indossa o meno la mascherina. Un prodotto che può essere posizionato in qualsiasi luogo d’ingresso ad alta frequenza di passaggio, dove è necessario misurare questi parametri. Uno di questi portali è già stato installato a Trieste: al PalaTrieste, Allianz Dome.

Mentre Revid19, il nuovo strumento sempre messo a punto da Eurotech, in corso di utilizzo per la ricerca in via sperimentale della presenza del Covid 19 nel respiro, è stato arricchito di 8 nuovi sensori, che “moltiplicano” i dati necessari per l’addestramento delle reti neurali.

 

Si tratta di uno strumento dotato di intelligenza artificiale e tecnologia Iot (Internet of things): una serie di sensori raccoglie le informazioni provenienti dal respiro. Ovvero, riconosce le anomalie dell’aria eliminata dai bronchi, il cosiddetto esalato. 

Al momento e da qualche tempo, Revid 19 è in uso dall’associazione Allergie e Pneumopatie infantile Alpi Odv di Udine, e da Mario Canciani, pneumologo di fama internazionale e presidente dell’Alpi Odv. 

“Ci siamo messi a disposizione della collettività – spiega Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech – in un momento di grande necessità di tipo sanitario e sociale. Il nostro segmento dedicato alla Ricerca si è dato da fare per sviluppare dispositivi utili alla comunità globale. Fra i nostri scopi vi è l’uso della tecnologia applicata anche al settore medicale. È parte della nostra mission il miglioramento della qualità di vita, in special modo in epoca di pandemia, dove appunto la qualità del nostro vivere quotidiano è messa a dura prova”.

Commenti (0)
Comment