Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Succede ad Andrea Giavon

Società
04 gennaio 2021

Franco Bulian nuovo direttore del CATAS

a cura della redazione
Il sessantenne udinese prende la guida del più importante laboratorio europeo di prove per la filiera legno arredo
CONDIVIDI
37661
Franco Bulian
Società
04 gennaio 2021 della redazione

Franco Bulian – classe 1960, udinese, sposato con due figli – è il nuovo direttore di Catas, il più importante laboratorio europeo di prove per la filiera legno arredo che ogni anno realizza oltre 50 mila test nelle sedi di San Giovanni al Natisone e Lissone (Monza Brianza).

Bulian è entrato del reparto di analisi chimiche di Catas nel 1987, arrivando ad assumerne la vice direzione, oltre al ruolo di direttore marketing. Professore a contratto nel corso “Materials and Technologies of the Furniture Industry” dell’Università di Trieste e autore di numerosi libri e pubblicazioni tecniche, la sua lunga militanza in Catas lo ha portato a conoscerne in prima persona ogni attività, oltre a partecipare attivamente alla sua crescita.

“Sono orgoglioso – ha commentato Bulian – di completare il mio percorso in Catas con questa nuova e prestigiosa sfida. Ringrazio il consiglio di amministrazione e la presidente Lucia Cristina Piu per la fiducia e sono certo che assieme a tutti i validissimi collaboratori di Catas, al loro entusiasmo, alla loro passione e alle loro capacità potremo raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi con la rinnovata finalità di contribuire a migliorare la sicurezza e le prestazioni dei prodotti di questo importante settore industriale”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bulian prende il posto di Andrea Giavon, che lascia l’istituto per godersi una nuova stagione della sua vita. Giavon ha ricevuto i ringraziamenti del consiglio di amministrazione e di tutti i dipendenti e collaboratori dell’istituto per il contributo dato alla crescita di Catas, dove era entrato giovanissimo, nel 1984. Per salutare Giavon i dipendenti e i collaboratori di Catas hanno raccolto una somma che, come desiderio dello stesso “past-director”, è stata devoluta all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine per l’emergenza “Covid-19”.

Commenti (0)
Comment