Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Consegnate le Pigotte dell’UNICEF

Attualità
22 gennaio 2021

Palmanova, solidarietà in nome dei nuovi nati

 a cura della redazione
Per ciascuno dei 37 piccoli residenti venuti alla luce nel 2020, il Comune ha versato il corrispettivo di un kit salvavita destinato ai bambini delle aree povere del mondo
CONDIVIDI
Da sinistra il sindaco di Palmanova Francesco Martines, la vice Adriana Danielis e la referente provinciale UNICEF Margherita Menapace, durante la cerimonia di sabato scorso
Attualità
22 gennaio 2021 della 
redazione

Nel 2020 sono 37 i nuovi nati residenti a Palmanova, 15 femme e 22 maschi. Tutti hanno ricevuto, direttamente a casa, nei giorni scorsi, le Pigotte dell’UNICEF acquistate per loro dal Comune. 

Lo scorso sabato si è tenuta la tradizionale cerimonia, per quest’anno realizzata a distanza in video collegamento, tra amministratori comunali, rappresentanti dell’UNICEF provinciale, neo genitori e neonati.

Per il settimo anno, l’Amministrazione comunale ha infatti deciso di regalare ai nuovi nati del proprio territorio una bambola del progetto internazionale “Un bambino nato, un bambino salvato”. Palmanova è stata una delle prime realtà a farlo in provincia di Udine e la prima ad averlo strutturato in un momento di consegna alle famiglie.

Per ogni bambino nato, il Comune si impegna infatti a versare 20 euro al Comitato Provinciale di Udine dell’UNICEF, corrispondente al valore di un kit salvavita. Questo permetterà di fornire vaccini, dosi di vitamina A, un kit ostetrico per un parto sicuro, antibiotici e una zanzariera antimalaria a un bambino nato in uno dei Paesi poveri del mondo.

“Ho voluto salutare tutti i neo genitori a distanza, in videochiamata da Capoverde. Come membro dell'UNICEF appartengo ad un'organizzazione che non ha confini: faccio anche parte di una missione umanitaria internazionale, che vede qui in Africa particolari esigenze d’aiuto alla popolazione. L'efficienza italiana qui è proverbiale”, afferma Alberto Zeppieri, presidente del Comitato UNICEF di Udine.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A rappresentare l’organizzazione internazionale, durante l’incontro di sabato, anche la referente provinciale Margherita Menapace.

Commenti (0)