Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Domenico Rizzatti - Cronache di guerra e prigionia

Presentazione del libro di Giorgio Milocco e Carlo Tincani
Fiumicello Villa Vicentina

30/10/21
17.30

Avrà luogo sabato 30 ottobre alle ore 17.30 la presentazione di un volume che interessa non solo la Comunità di Fiumicello e Villa Vicentina ma tutto quel territorio un tempo chiamato Litorale (Küstenland).

Si evidenzia infatti un ceppo famigliare (quello dei Rizzatti) che in diverse circostanze ha operato e diretto e ricoperto cariche in enti e organismi locali (in Comune e nella stessa  Banca di Credito di Fiumicello) e nell’insegnamento.

L’incontro avrà luogo in sala “Bison”, piazzale dei Tigli a Fiumicello alla presenza del stesso sindaco di Fiumicello Villa Vicentina Laura Sgubin, dell’avvocato fiumicellese Guido Germano Pettarin, dell’editore Paolo Gaspari di Udine, degli autori Giorgio Milocco (Cervignano) e Carlo Tincani (Udine) e della storica triestina Marina Rossi.

Il volume fresco di stampa conta oltre trecento pagine (312), numerose illustrazioni e fotografie d’epoca che ripercorrono il periodo che va dalla fine ‘800 sino agli inizi degli anni Cinquanta.

In sintesi i figli maschi di Giulio Rizzatti (1858/1932) e Anna Lupieri furono: Pietro (1879), Giuseppe (1880), Domenico (1885), Francesco (1888), Sandro (1890), Mario (1892) e Antonio (1894).

Pietro (Pieri) per inciso fu agricoltore d’avanguardia e uomo di mondo; Giuseppe (Zef) invece definito “contrabbandiere di uomini”; Domenico (Meni): soldato, prigioniero, irredento e uomo di scuola; Francesco (Checo) l’agricoltore con la vocazione del giardinaggio; Alessandro (Sandro), Primario alla “Casa Rossa” di Gorizia; Mario una vita dedicata all’Italia, insegnante; Antonio insegnante, sindaco di Monfalcone e senatore per la Democrazia Cristiana nel secondo dopoguerra.

Il lavoro di ricerca dei curatori si è concluso dopo quattro anni spesi nell’accumulare dati, frequentazione di archivi e i relativi incroci delle informazioni assunte. Basilare però è stato il rapporto stretto con gli stessi discendenti dei Rizzatti (custodi gelosi delle loro origini).

Tutto queste conoscenze ora si integrano nella storia scritta della Comunità di Fiumicello Villa Vicentina.