Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

I villaggi del grano

A Rosazzo viaggio nel tempo con l'archeologo Andrea Pessina
Andrea Pessina
Manzano
Rosazzo
Abbazia
25/10/19
18

Alimentazione e economia nella preistoria in Friuli: sarà questa la proposta di viaggio nel tempo dell’archeologo udinese Andrea Pessina nel prossimo appuntamento dal titolo “I villaggi del grano”, l’agricoltura in Friuli 7 mila anni fa, proposto dalla rassegna “I Colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga”, in programma venerdì 25 ottobre alle 18 nella Sala delle Palme della Abbazia di Rosazzo.

La conversazione sarà condotta dalla giornalista Margherita Reguitti.

Ospite della rassegna, promossa dalla Fondazione Abbazia di Rosazzo e dall’azienda Livio Felluga nello storico complesso abbaziale in comune di Manzano, lo studioso friulano artefice di importanti e innovative scoperte nel campo dell’archeologia non solo a livello nazionale ma internazionale. Oltre all’attività di studio, ricerca e pubblicazione, Andrea Pessina vanta competenze di alta specializzazione nel settore della conservazione e promozione del patrimonio culturale. La sua lunga carriera nei ranghi del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo lo ha portato a ricoprire il ruolo di soprintendente per archeologia, belle arti e paesaggio della città metropolitana di Firenze e delle province di Pistoia e Prato. In virtù delle sue esperienze e capacità inoltre da alcuni mesi gli è stato affidato l’incarico ad interim anche per la sede di Siena, Grosseto e Arezzo.

In particolare nell’incontro, con l’ausilio di supporti multimediali, si entrerà nel dettaglio delle scoperte fatte in relazione a come vennero introdotte in Italia nordorientale le specie vegetali e animali sulle quali ancor oggi si basa buona parte dell’alimentazione umana. Tema questo che costituisce uno dei quesiti più affascinanti della ricerca preistorica.

In questo scenario, la nostra regione ebbe un ruolo fondamentale grazie alla sua posizione di cerniera tra l’area padana, il mondo balcanico e il corridoio adriatico.

Sono infatti i dati provenienti dagli scavi archeologici in numerosi villaggi preistorici sul territorio della bassa Friulana, databili ad oltre 7 mila anni fa, a darci importanti informazioni sulle dinamiche che resero possibile tutto ciò, con la nascita di gruppi culturali legati da elementi ideologici comuni e da un’ estesissima rete di scambi di materie prime.

L’appuntamento, a ingresso libero, si concluderà con un brindisi dei vini Livio Felluga, la cui etichetta, rappresentata da un’antica mappa del territorio, viaggia in oltre ottanta Paesi nel mondo.

La rassegna, promossa dalla Fondazione Abbazia di Rosazzo e dall’azienda Livio Felluga, è realizzata in collaborazione con MiBACT, Biblioteca Statale Isontina, Associazione culturale Vigne Museum e il Comune di Manzano.