Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Il Paese dei Campanelli compie 100 anni

A Cormòns in prima regionale il riallestimento di Abbati
Cormòns

27/12/22
21
Cormóns
via Sauro 17
Cormóns

Sarà l'occasione giusta per un regalo davvero speciale adatto a tutti: martedì 27 dicembre, alle 21, il Teatro Comunale di Cormons ospiterà, fuori abbonamento, la prima regionale del riallestimento per il centenario de Il Paese dei Campanelli, l'operetta italiana più famosa in assoluto proposta da In Scena - Compagnia Corrado Abbati.

Si tratta infatti di un'edizione speciale per i 100 anni del lavoro del binomio Ranzato – Lombardo che lega il suo successo alla particolare leggerezza ed allegria del testo, unito alle melodie facili e dall’impatto immediato. Si racconta infatti che, già all’indomani della prima rappresentazione al Teatro Lirico di Milano, molti brani venissero cantati o fischiettati per le strade dai milanesi. Un canovaccio fantasioso con un tocco di esotismo, un variopinto ed immaginario villaggio fiabesco, i colorati i costumi dei protagonisti ed una elegante e garbata drammaturgia, sono i punti di forza di questa edizione del centenario. 

La storia ci porta su un’immaginaria isola olandese dove sopra ad ogni casa c’è un piccolo campanile con un campanello. Secondo la leggenda, questi campanelli suonano ogni volta che si verifica un tradimento e a seminare il disordine nel tranquillo Paese dei Campanelli arriva una nave di marinai. In 100 anni è cambiato tutto e non è cambiato niente: il dilemma tra amore coniugale ed extra coniugale è eterno, gli equivoci di una sana commedia che divertono il pubblico senza malizia sono sempre gli stessi, da Plauto in poi. Cent’anni fa a suonare erano i campanelli… oggi i telefoni cellulari!

La special edition del centenario potrà contare sul Balletto di Parma, con le coreografie di Francesco Frola, la regia di Corrado Abbati. Il maestro concertatore e direttore sarà Alberto Orlandi. L'Allestimento è del Teatro Verdi di Trieste con la nuova drammaturgia e adattamento di Corrado Abbati.

Le prevendite sono aperte al teatro di Cormons il lunedì e il venerdì dalle 17 alle 19 e un'ora prima dell'inizio dello spettacolo.