Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

La FVG Orchestra inaugura la stagione monfalconese

Una serata che ripercorre la lunga carriera del “cigno” di Busseto, a 120 anni dalla morte
Monfalcone

22/10/21
20.45
Monfalcone
corso del Popolo 20
Monfalcone

È la FVG Orchestra, affiancata per l’occasione da Marco Titotto (direttore), Marily Santoro (soprano) e Walter Fraccaro (tenore), ad aprire venerdì 22 ottobre alle 20.45 la Stagione Musicale del Teatro Comunale di Monfalcone curata da Federico Pupo.

Il programma, tutto dedicato a Giuseppe Verdi a 120 anni dalla morte, prevede alcune magnifiche Arie e Sinfonie dalle sue Opere più celebri: Il Trovatore, La Traviata, Otello, Nabucco e altre ancora.

Nato a Roncole di Busseto il 10 ottobre del 1813, Giuseppe Fortunino Francesco Verdi attraversò il XIX secolo da protagonista sia nel mondo musicale, subentrando a Rossini, Bellini e Donizetti, che in quello politico, simpatizzando per il movimento risorgimentale e divenendo un simbolo dell'unità del Paese. Ecco perché, un mese dopo la sua morte, una solenne e sterminata processione attraversò Milano accompagnando le sue spoglie con le note del Va’, pensiero.
Il concerto monfalconese ripercorre la lunga carriera del “cigno” di Busseto – soprannome attribuitogli per l'eleganza e la delicatezza del suo stile musicale – iniziando proprio da quel Oberto, Conte di San Bonifacio che lo vide debuttare alla Scala nel 1839: la prima di 28 opere grazie alle quali verrà universalmente riconosciuto come uno dei più grandi operisti di ogni tempo.

A dare voce a questa “bellezza necessaria” (questo lo slogan della nuova Stagione monfalconese) sono la soprano Marily Santoro che, dopo aver debuttato nel ruolo di Violetta ne La Traviata, è stata protagonista di molti altri importanti debutti, come Leonora ne Il Trovatore con grande successo di pubblico e critica al Teatro G. Verdi di Trieste; e il tenore Walter Fraccaro, fra i più acclamati interpreti verdiani, che dopo aver calcato i palcoscenici dei più prestigiosi teatri italiani e internazionali arriva al Comunale per far rivivere Manrico, Alvaro e Otello con il timbro corposo che lo contraddistingue. A dirigere la FVG Orchestra e i solisti è la bacchetta di Marco Titotto.